1) Re della TraciaEroina eponima della Tracia, figlia di Oceano e Partenope. Deriva da θρᾴξ, θρᾳκός, che è un nome di popolo senza etimologia, secondo Chantraine (DELG, s. v. Θρᾴξ). Carnoy (DEMGR) ritiene che si possa trattare di un derivato dell'indoeuropeo *treus, "essere fiorente", dato che nella... Leggi, figlio di Ares AresFiglio di Zeus e di Era. Dio della guerra, turbolento e litigioso rappresentava più la violenza che l'eroismo ed il coraggio, perché in guerra Ares non distingue gli amici dai nemici "e volano ciechi i colpi dalle mani". Gli dèi, compreso il padre, non... Leggi e di CireneFiglia di Ipseo e della ninfa Clidanope. Disprezzava i lavori tipici delle donne e per questo diventò un'abile cacciatrice. Un giorno mentre lottava senza armi contro un leone, la vide il dio Apollo che volle farne la sua amante, con un cocchio trainato da... Leggi famoso per le sue cavalle alle quali dava in pasto gli stranieri che si avventuravano nella sua terra. Per questo fu ucciso da Eracle EracleZeus incapricciatosi di Alcmena, prende le sembianze del marito di lei, Anfitrione. Zeus passa con la donna un giorno e una notte d'amore, notte che in effetti era durata tre giorni poiché Zeus aveva ordinato al sole di riposarsi per tre giorni. Intanto fatto... Leggi e il suo corpo dato in pasto alle cavalle.
Gli animali furono poi dispersi sul monte OlimpoEra la montagna sulla quale gli dèi avevano la loro sede. È alta tremila metri e fa parte alla catena montuosa che si estende tra la Tessaglia e la Macedonia. Con la sua cima ricoperta di nevi in inverno è nella sua base prosperoso... Leggi. Ebbe culto in Tracia, poi in tutto il mondo ellenico; a lui venivano sacrificate vittime umane.
2) Διομήδης, uno dei principali eroi dell’IliadePoema epico dell'antica civiltà greca, del sec. VIII a.C. composto da Omero, in 24 canti o libri di complessivi 15.693 esametri in dialetto jonico. Racconta i fatti dell'ultimo mese e mezzo della decennale guerra di Ilio o Troia; il sorgere dell'ira di Achille verso... Leggi, re di Argo Argo1) Figlio di Agenore e di Gea. Si diceva che avesse cento occhi che dormivano e vegliavano a turni di cinquanta, era dotato di una forza immane grazie alla quale uccise il satiro che rubava le greggi agli Arcadi e così pure Echidna che... Leggi, figlio di Tideo e di DeipileFiglia di Adrasto argivo e di Anfitea, sorella di Argia 1., madre di Diomede; Schol. ad Eur. Phoen. 135, Apollod. Bibl. 1, 9, 13. Composto di δήϊος, "nemico", abbastanza produttivo, testimoniato già in miceneo (Da-i-qo-ta, KN Da 1164.B, cfr. Deifonte), e di -πύλη, "porta",... Leggi, partecipò alla guerra degli Epigoni per la conquista di TebeFiglia di Asopo e di Metope e sposa di Zeto che per amore diede il nome della moglie alla città che fino a quel momento era chiamata Cadmea.... Leggi e poi alla guerra troiana.
Come nei poemi omerici è raccontato, con la protezione di Atena AtenaEra figlia di Zeus e di Metis. Così come aveva fatto Crono anche Zeus divorò la moglie incinta in modo di avere sempre con sè la consigliera. finita la gestazione Zeus avrebbe partorito la figlia dalla testa. Efesto funse da ostetrico spaccandogli la testa... Leggi, ferì Ares e Afrodite AfroditeDea greca dell'amore, i romani la identificarono in Venere. In occidente il culto della dea ebbe il suo maggior centro in Sicilia ad Erice dove esisteva un tempio dedicato a Tanit. Si praticavano riti di fecondità e la prostituzione sacra. Dalla Sicilia il culto... Leggi, partecipò ad imprese rischiose insieme a Ulisse Il vero nome di questo eroe era Odisseo, nome dal significato formidabile datogli dal nonno. Ulisse che significa Lo zoppo in riferimento alla ferita riportata alla coscia in una battuta di caccia, fu l'epiteto che i romani preferirono usare per questo personaggio. Figlio di... Leggi, uccise ResoEroe tracio che combattè al fianco dei Troiani nella guerra di Troia (Hom. Il. 10, 434 ss.). Secondo Carnoy (DEMGR) il nome era rezos, forma trace per il latino rex, dall'indoeuropeo *rego-s, che in greco non è sopravvissuto: in trace la -g palatale si... Leggi re dei Traci e s’impadronì delle frecce fatali di Filottete Figlio di Peante e Metone (o Demonassa), Filottete, in cambio dell'arco di Eracle, fu l'unico che osò accendere la pira dell'eroe per concedergli la tanta desiderata morte. Il mito di Filottete, nelle sue molteplici versioni, è strettamente legato alle vicende della guerra di Troia,... Leggi.
Tornato in patria dedicò un tempio ad Atena Ossiderce che a Troia Città della Troade, chiamata propriamente Ilio dai Greci, teatro della decennale guerra. Secondo la leggenda sarebbe stata fondata da Troe, nipote di Dardano e padre di Ilo. Le sue mura sarebbero state costruite da Apollo e da Poseidone come espiazione per il tentativo di... Leggi gli aveva tolto la caligine dagli occhi consentendogli di ferire Ares.
Insidiato dalla infedele moglie EgialeaLa piú giovane figlia di Adrasto di Argo, e di Anfitea, era la moglie di Diomede, Hom. Il. 5, 412; gli Scholia Hom. ed Eustath., Comm. ad loc. (cfr. Apollod. Epit. 6, 9; Dyct. Cret. 6, 2), favoleggiano di un Comete col quale avrebbe... Leggi, riprese il mare, approdò nelle coste dell’Italia meridionale, divenne re della Daunia fondandovi Argos, Hippios e altre città. I suoi compagni furono tramutati in uccelli.


Crediti

   • Διομήδης •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
1. Re tracio, figlio di Ares e di Pirene, che faceva divorare gli stranieri dalle sue giumente; fu ucciso da Eracle (Apollod. Bibl. 2, 5, 8). 2. Un altro personaggio con questo nome è l’eroe etolo, figlio di Tideo e Deipile, che partecipò alla guerra di Troia (Hom. Il. 2, 559-68).
Questo nome è un composto di Ζεύς, (gen. Διός) e μέδομαι, “meditare un progetto, avere in mente” e significa “colui che possiede il pensiero di Zeus” (Wathelet, Dictionnaire des Troyens de l’Iliade, p. 428).


Crediti

   • Διομήδης •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Figlio di Ares e di Cirene, re dei Bistoni in Tracia, dava gli stranieri in pasto ai suoi feroci cavalli; Eracle lo vinse e lo fece divorare dai suoi stessi cavalli.


Crediti

 • Wikipedia •
 • Mitologia greca •
Similari
Il giudizio di Paride
21% MediaMitologiaSergio Parilli
Quando Afrodite, la dea dell’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi e della bellezza, arrivò all’Olimpo tutti gli dèi la accolsero con un applauso, solo due dee non si unirono a quell’applauso: Hera Antica divinità lunare venerata ad Argo; più tardi, ma molto prima di Omero, considerata regina del cielo. Come tale la si ritenne figlia di Crono e di Rea, fu la terza ad essere stata ingoiata dal padre. Fu madre di Ares, di Ilizia, di... Leggi ed Atena. Le due dee erano gelose della bellezza di Afrodite, fino ad allora erano loro l⋯
Tutto trasuda delitto
14% Charles BaudelaireEstratti
Impossibile scorrere una gazzetta qualsiasi d’un qualsiasi giorno o mese o anno, senza trovarvi ad ogni riga i segni della più spaventosa perversità umana, assieme alle più sorprendenti vanterie di probità, di bontà, di carità, e alle più sfrontate afferm⋯
La nuova Elena
14% Oscar WildePoesieSchiele Art
Dove sei stata da quando intorno alle mura di Troia i figli di Dio lottarono in quella grande impresa? Perché torni a camminare sulla nostra comune terra? Hai dimenticato quel ragazzo appassionato, la sua galea porpora e i suoi uomini di Tiro(in gr. Tyro), nella mitologia greca, figlia di Salmoneo e Alcidice, amata da Posidone, da lui ebbe i gemelli Pelia e Nelia. Secondo un'altra tradizione sposò il dio fluviale Nipeo, generando Neleo, secondo altri, sposò Creteo, con cui generà Esone, Fere e Amitaone.... Leggi, e gli occhi⋯
Sopravvivere agli imbecilli
14% FilosofiaMarco Tullio Cicerone
Una nazione può sopravvivere ai suoi imbecilli ed anche ai suoi ambiziosi, ma non può sopravvivere al tradimento dall’interno. Un nemico alle porte è meno temibile perché mostra i suoi stendardi apertamente contro la città. Ma per il traditore che si muov⋯
Stabilire una pace durevole
14% Mao Tse TungPolitica
La guerra, questo mostro che fa uccidere tra loro gli uomini, verrà in ultima istanza eliminata dallo sviluppo della società umana, e ciò in un futuro non lontano. Ma per distruggere la guerra esiste soltanto un mezzo, ed è quello di lottare con la guerra⋯