Nome del dio del vino e dell’estasi mistica, figlio di Zeus e di Semele (Hes. Theog. 940-42).
Attestato in miceneo come teonimo associato con Zeus in tavolette cretesi (Khanià) di-wo-nu-so, dat., e al genitivo a Pilo; cfr. L. Godart e Y. Tzedakis, Les nouveaux textes en Linéaire B de la Canée, “Riv. Filol. Istr. Class.” 119, 1991, pp. 143-47. La prima parte del nome è il genitivo del nome del cielo in trace, e viene per lo piú riferita al nome di suo padre Zeus (gen. Δι-#ος) mentre la seconda parte è di piú difficile interpretazione; potrebbe trattarsi di un nome trace per “figlio”, riscontrabile nel toponimo Νῦσα e nei nomi di ninfe Νῦσαι e Νυσίαι (Chantraine, DELG s v., Kretschmer, Einleitung, pp. 241-43). Meno accettabile l’ipotesi di Carnoy (DEMGR) di derivazione dall’indoeuropeo *sneud, sneudh, “scorrere”, con i passaggi s-nud-io < nuzo-. García Ramón (“Minos” 20-22, 1987, pp. 183-200) propone anche l’interpretazione della prima parte del nome come δίς-, “due volte”, quindi “due volte bambino”, data la tradizione della sua doppia nascita, ma il digamma miceneo esclude questa spiegazione.

Crediti
   •  Διόνυσος  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Perdi il volto
13% Gilles DeleuzeSchiele Art
Il tuo segreto lo si vede sempre sul tuo volto e nel tuo sguardo. Perdi il volto. Diventa capace di amare senza ricordare, senza fantasma né interpretazione, senza fare il punto. Dovrebbero esserci soltanto dei flussi, che a volte si prosciugano, si ghiac⋯
Dioniso delle Baccanti
13% MitologiaRené Girard
Nelle Baccanti BaccantiCorteo di donne incoronate di pampini che seguiva il carro di Dioniso durante i suoi errabondi viaggi in Oriente. Con tale nome furono poi indicate le sacerdotesse che celebravano i riti in suo onore. Recavano in mano il tirso, un bastone sormontato da pampini... Leggi, Dioniso e PenteoFiglio di Agave e di Echione, che era uno degli Sparti nati dai denti del drago ucciso da Cadmo. Poiché la madre era sorella di Semele, Penteo era cugino di Dioniso, del quale però disprezzava il culto. Proprio questo determinò la sua morte. La... Leggi non si contendono niente di concreto. La rivalità verte sulla divinità stessa, ma dietro alla divinità non c’è che la violenza. Rivaleggiare per la divinità è rivaleggiare per niente: la divinità non ha altra realtà che qu⋯
Restano comunque sconosciuti
12% Aldo BusiLettere
Sconosciuto a tutti a parte me, sconosciuto come i libri che piacciono a me, quelli che, come certi uomini stupendi, restano sconosciuti anche una volta letti e che prima leggi e poi leggi, e non è una rilettura: resta la prima lettura che fai, e magari l⋯
Schemi cronici
12% FilosofiaMurray Bookchin
La crisi ecologica che attraversiamo è una crisi sociale, ha le sue radici prima e soprattutto nella dominazione dell’uomo da parte dell’uomo, della donna da parte dell’uomo, dei giovani da parte di vecchi e della società da parte dello stato. • Murray Bo⋯
Disegnare il mondo
12% Jorge Luis BorgesPsicologia
Un uomo si propone il compito di disegnare il mondo. Trascorrendo gli anni, popola uno spazio con immagini di province, di regni, di montagne, di baie, di navi, d’isole, di pesci, di dimore, di strumenti, di astri, di cavalli e di persone. Poco prima di m⋯