Equivalente di Centìmani, erano i gigantiFigli di Gea, fecondata dal sangue di Urano, che era stato evirato da Crono, spesso confusi o identificati coi Titani. Esseri di straordinaria statura e di forza sovrumana, nemici degli dei, tentarono di dar la scalata all'Olimpo, ma furono colpiti insieme dai fulmini di... Leggi con cinquanta teste e cento braccia, figli di UranoFiglio e sposo di Gea, padre dei Titani, dei Ciclopi e degli Ecatonchiri. Il figlio Crono per spodestarlo si armò di una falce e nascostosi evirò Urano mentre stava per accoppiarsi con Gea; dal sangue uscito Gea concepì le Erinni, i Giganti e le... Leggi e Gea Dea primigenia della Terra, nata dal Caos, generò da sola Urano e il Ponto. Veniva venerata come divinità della terra e dei morti, considerato che i morti ritornano alla terra. Era raffigurata a mezza figura uscente dal suolo.... Leggi, essi erano : Briarèo, CòttoUno dei Centìmani. e GigeNome di uno dei tre Ecatonchiri, giganti dalle cento braccia e cinquanta teste, figli di Gaia ed Urano (Hesiod. Theog. 149; 618; 714; 734; 817), gli altri due erano Cotto e Briareo. Si tratta probabilmente di un nome lidio, interpretato da Esichio come πάππος,... Leggi. Rinchiusi nel TartaroFiglio dell'Etere e della Terra, padre dei Giganti dei tempi primordiali. I Greci chiamarono Tartaro il luogo sotterraneo in cui Zeus precipitò e imprigionò i Titani. Il nome indicò poi quella parte dell'Inferno in cui i malvagi subivano atroci tormenti, e anche, in generale,... Leggi da Crono I latini lo identificarono con Saturno, era il più giovane dei Titani. Sua sposa fu Rhea (Opi per i romani), nota anche col nome di Cibele, dal nome della dea frigia chiamata Madre degli déi o Grande Madre. Figlio di Urano (il cielo) e... Leggi, furono liberati da Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi che cercava alleati per la sua lotta contro i Titani I Titani erano delle divinità antichissime, tanto antiche che presso i Greci non avevano più culto, fatta eccezione per Elio e Crono. I Titani erano figli di Urano e di Gea, erano sei maschi e sei femmine i loro nomi sono: I maschi Coio,... Leggi.


Crediti

   • Ἑκατόγχειρες •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Nome di tre giganti, figli di Urano e di Gaia, dalle cento braccia e cinquanta teste (Hesiod. Theog. 147 ss.).
Si tratta di un semplice composto di ἑκατόν, “cento” e di χείρ, “mano, braccio” e significa dunque “dalle cento braccia”.


Crediti

   • Ἑκατόγχειρες •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Figli della brama
18% Khalil GibranSchiele Art
I vostri figli non sono i vostri figli. Sono i figli e le figlie della brama che la Vita ha di sé. Essi non provengono da voi, ma per tramite vostro, e benché stiano con voi non vi appartengono.
Le promise l’amato
17% Dino BuzzatiSchiele Art
La ragazza innamorata soffriva tanto, che perfino il demonio se ne impietosì. Andò da lei e le promise l’amato. A una sola condizione: che mai, mai, per tutta la vita, neppure con una semplice carezza, con un semplice pensiero, lei lo tradisse; pena, la m⋯
L’eredità di uno che ha sorriso
17% Franco ArminioPoesieSchiele Art
Essere vivi è una sintesi di tutte le morti. Siamo l’eredità di uno che ha baciato di uno che ha alzato un braccio di uno che ha sorriso. In una stretta di mano si rifanno vive tante piccole creature dimenticate.
L’uomo costretto a soffrire
15% Egon SchieleSchiele Art
Non lo nego. Ho realizzato disegni e acquarelli che sono erotici. Ma sono pur sempre opere d’arte! Dunque non lo nego. Dichiaro, invece, del tutto falso il fatto che avrei mostrato intenzionalmente a dei bambini tali disegni, che avrei corrotto dei bambin⋯
Darti mille baci
14% Saffo di EresoSchiele Art
Prendi il mio cuore e portalo lontano, dove nessuno ci conosce, dove il tempo non esiste, dove possiamo incontrarci, senza età e ricordi, senza passato. Con una luce che nasce all’orizzonte e un domani sereno e silenzioso. Prendi il mio sguardo e portalo ⋯