ECHIDNA Mostro, donna nella parte superiore e serpente nella parte inferiore. Figlia di CrisaoreFiglio di Poseidone e della Gorgone Medusa, alla sua nascita (dal sangue della madre decapitata) brandiva una spada d'oro (Hes. Theog. 278 ss.). Il nome è infatti un composto di χρυσός, "oro" e di ἄορ, "spada" e significa dunque "dalla spada d'oro".... Leggi, moglie e madre di TifonePersonificazione del vento impetuoso del Sud, il mito è originario dell'Asia meridionale, da dove passò in Egitto e poi in Grecia. Gli Egizi lo chiamarono Set o Seteh. Per i Greci era un essere mostruoso dalle cento teste e dalla forza immane, chiamato anche... Leggi e della maggior parte dei mostri della mitologia classica. Dalla sua unione con Tifòne, generò una serie di mostri orripilanti quali: l’insonne dragone che custodiva il vello d’oroEra la pelle dell'ariete nato da Teofane e da Poseidone, donato poi da Ermes a Nefele, moglie di Atamante e madre di Frisso e di Elle. Quando per gli intrighi di Ino i due ragazzi dovettero essere sacrificati, la madre li fece fuggire in... Leggi, il dragoMostro favoloso che si ritrova in tutte le antiche mitologie. Rettile alato con ali di pipistrello, con testa di cane, zampe di leone, e bocca con una o più lingue che vomita fuoco e fiamme. Nella letteratura e nell'arte cinese, è uno degli elementi... Leggi che faceva da guardia ai pomi delle Esperidi, Scilla Le due rupi poste tra l'Italia peninsulare e la Sicilia, affacciate sullo stretto di Messina, note fin dall'antichità per in pericolo che rappresentavano per la navigazione e ritenute sede di due terribili mostri chiamati con quei nomi. Scilla, sulla rupe posta in prossimità di... Leggi, Cerbero Era il cane dalle tre teste che custodiva l'Ade. Egli aveva l'incarico di impedire ai morti di uscire ed ai vivi di entrare. Esiodo lo descrive con 50 teste, ma scrittori posteriori gliene attribuiscono soltanto 2 e, infine, 3, ed è sempre tricipite nelle... Leggi, la Chimera Mostro favoloso, figlia di Idra, poi partorí Chimera, che fuoco spirava, che immane era, tremenda, veloce nei piedi, gagliarda. Essa tre teste aveva: la prima di fiero leone, l'altra di capra, la terza di serpe, d'orribile drago (Esiodo, Teogonia). Fu uccisa da Bellerofonte. Vomitava... Leggi, l’Idra di LernaTerribile serpente, figlio di Tifone e di Echidna, che aveva nove teste che rinascevano continuamente quando una di esse veniva tagliata. Eracle lo uccise e nel sangue del mostro intrise le sue frecce che da allora produssero ferite che non si rimarginavano.... Leggi il cane OrtroCane dalle due teste, figlio di Tifone e di Echidna. Custode delle mandrie di Gerione, fu ucciso da Eracle.... Leggi che unitosi alla madre generò la Sfinge Esistono due Sfingi: quella egizia e quella greca. La prima rappresenta la potenza regale del faraone ed è un monumento funerareo formato da un corpo leonino e dal volto del Faraone. La Sfinge greca invece è un mostro alato col corpo mezzo di donna... Leggi e il leone Nemèo e anche l’aquila che straziava Prometeo Titano figlio di Giapeto e di Climene figlia di Oceano. In origine era solamente un Titano intelligente che riuscì ad ingannare Zeus, ma successivamente fu trasformato nel creatore e salvatore del genere umano mentre Zeus appare come un crudele tiranno. Quando i Titani sfidarono... Leggi. Fu uccisa nel sonnoNell'antica mitologia greca, il dio del sonno, figlio dell'Erebo e della Notte.... Leggi da Argo Argo1) Figlio di Agenore e di Gea. Si diceva che avesse cento occhi che dormivano e vegliavano a turni di cinquanta, era dotato di una forza immane grazie alla quale uccise il satiro che rubava le greggi agli Arcadi e così pure Echidna che... Leggi.


Crediti

   •  Ἔχιδνα •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •

.
…la diva scaltrissima Echidna, che Diva è per metà, bella guancia con occhi fulgenti, e per metà serpente terribile, orribile, immane, versicolore, vivace, nei bàratri immensi di Gèa. Una spelonca ha qui, sottessa una concava roccia, lungi dai Numi immortali, dagli uomini nati a morire: l’inclita casa a lei qui prescrissero i Numi immortali. Ma ella riparò sotterra, fra gli Arimi, Echìdna, la luttuosa, Ninfa che mai non invecchia né muore. (Esiodo Teogonia 295 ss).


Crediti

   •  Ἔχιδνα •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •


Crediti

   •  Ἔχιδνα •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Figlia di Crisaroe e di Calliroe, con il corpo metà donna e metà serpente, sposò Tifone e generò numerosi mostri tra cui Cerbero, l’Idra Terzogenita figlia di Echidna e Tifone. Mostro dalla forma di serpente con nove teste, le quali se tagliate rinascevano. Ucciderla fu la seconda fatica di Eracle che tagliandole man mano bruciava il moncone in modo da impedire la crescita della nuova testa. Un'altra versione... Leggi di Lerna Palude dell'Argo nella quale aveva residenza l'Idra dalle nove teste. Nella stessa palude le quarantanove uxoricide Danàidi gettarono le teste dei loro mariti.... Leggi, il Leone nemeo, la Sfinge e la Chimera.


Crediti

   • Ἔχιδνα •
 • Wikipedia •
 • Mitologia greca •
Similari
Bastò il piombo
74% FrammentiOmero di Chio
…Era il mostro di origine divina, leone la testa, il petto capra, e drago la coda; e dalla bocca orrende vampe vomitava di foco1. Eroe eponimo della Focide, figlio di Eaco e della Nereide Psamate, fratellastro di Peleo (Hesiod. Theog. 1004-05) ed anche 2. nome di un abitante di Glissa in Beozia, che stabilì che i numerosi pretendenti della figlia Calliroe dovessero battersi con le armi, ma... Leggi: e nondimeno, col favor degli Dei, l’eroe la spense… La chimera è un mostro mitologico con parti del corpo di animali diversi. ⋯
Anche una non-risposta
23% DisegniSaul Steinberg
L’arte è una sfinge: il bello della sfinge è che devi interpretarla. Quando hai trovato un’interpretazione, sei già salvo. L’errore della gente è credere che la sfinge possa dare solo una risposta esatta. In realtà ne dà cento, mille, forse nessuna. Può d⋯
Qual è quel cane ch’abbaiando agogna
21% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Qual è quel cane ch’abbaiando agogna, e si racqueta poi che ‘l pasto morde, ché solo a divorarlo intende e pugna, cotai si fecer quelle facce lorde de lo demonio Cerbero, che ‘ntrona l’anime sì, ch’esser vorrebber sorde.
Mondi mai comprensibili
19% LinguaggioLudwig Wittgenstein
«Se un leone potesse parlare non lo capiremmo comunque» – così diceva Wittgenstein – ma penso che se un leone potesse parlare e potesse capire, non sarebbe più un leone. Perché parlando con lui non riusciremmo mai a capire gli altri leoni giacché il nostr⋯
Il segreto di pulcinella
17% San PaoloStorie
Diogene avanzò verso la sfinge e lei pronta gli disse – Diogene, cosa si nasconde nel fondo del mio fondo? – Diogene rispose – il fondo naturalmente… senza fondo. – La sfinge restò pietrificata da Diogene o dal fondo di sé? Pietrificata perché? Eh, Eh, sa⋯