1. Nome di uno degli uomini nati dai denti di drago seminati da Cadmo (Apollod. Bibl. 3, 4, 1 e 2), e anche 2. di uno degli Argonauti (Apollon. Rhod. Argon. 1, 52).
È un nome derivato da ἔχις, “vipera, serpente”.

Crediti
   •  Ἐχίων  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Un altro passo indietro
19% FrammentiVictor-Marie Hugo
Molti uomini hanno un demone segreto, un male che nutrono, un dragoMostro favoloso che si ritrova in tutte le antiche mitologie. Rettile alato con ali di pipistrello, con testa di cane, zampe di leone, e bocca con una o più lingue che vomita fuoco e fiamme. Nella letteratura e nell'arte cinese, è uno degli elementi... Leggi che li rode, una disperazione che abita la loro notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi. Un certo uomo assomiglia in tutto agli altri, va e viene, e non sa ch’egli ha in sé uno spaventoso dolore parassita, dai mille denti⋯
Scambiare la terra con l’acqua
19% Hermann HesseSchiele Art
La maggior parte degli uomini non vuol nuotare prima di saper nuotare. Spiritoso, vero? Certo che non vogliono nuotare, sono nati per la terra, non per l’acqua. E naturalmente non vogliono pensare: infatti sono nati per la vita, non per il pensiero. Già, ⋯
Non darsi per vinto
16% Autori VariPoesie
Ho conosciuto l’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi degli uomini, ed era possessivo. Ho conosciuto la loro amicizia, ed era sfruttamento. Ho conosciuto il loro aiuto, ed era umiliazione. Ho conosciuto la pietà degli uomini, ed era degnazione. La loro protezione, ma aveva un secondo fi⋯
Bastò il piombo
15% FrammentiOmero di Chio
…Era il mostro di origine divina, leone la testa, il petto capra, e drago la coda; e dalla bocca orrende vampe vomitava di foco1. Eroe eponimo della Focide, figlio di Eaco e della Nereide Psamate, fratellastro di Peleo (Hesiod. Theog. 1004-05) ed anche 2. nome di un abitante di Glissa in Beozia, che stabilì che i numerosi pretendenti della figlia Calliroe dovessero battersi con le armi, ma... Leggi: e nondimeno, col favor degli Dei, l’eroe la spense… La chimera Mostro favoloso, figlia di Idra, poi partorí Chimera, che fuoco spirava, che immane era, tremenda, veloce nei piedi, gagliarda. Essa tre teste aveva: la prima di fiero leone, l'altra di capra, la terza di serpe, d'orribile drago (Esiodo, Teogonia). Fu uccisa da Bellerofonte. Vomitava... Leggi è un mostro mitologico con parti del corpo di animali diversi. ⋯
Il bisogno innalzò i troni
14% Jean-Jacques RousseauSocietà
Mentre il governo e le leggi provvedono alla sicurezza e al benessere degli uomini riuniti, le scienze, le lettere e le arti, meno dispotiche e forse più potenti, spandono ghirlande di fiori sulle loro catene di ferro, soffocano in loro il sentimento di q⋯