Sposa di Priamo, re di Troia, e madre di Ettore, Paride, Cassandra e altri sedici figli. Dopo la caduta della città, che segnò la fine della guerra di Troia, e la morte di Priamo, Ecuba ormai anziana venne fatta prigioniera dai greci (esattamente da Ulisse Il vero nome di questo eroe era Odisseo, nome dal significato formidabile datogli dal nonno. Ulisse che significa Lo zoppo in riferimento alla ferita riportata alla coscia in una battuta di caccia, fu l'epiteto che i romani preferirono usare per questo personaggio. Figlio di... Leggi); intorno al suo destino si svilupparono varie vicende narrate nelle tragedie di Euripide (Ecuba 1259 ss.).
Secondo una di queste, Ecuba assistette all’assassinio della figlia Polissena Figlia di Priamo e di Ecuba, amata da Achille fu involontaria causa della morte dell'eroe, ucciso a tradimento da Paride mentre festeggiava le nozze con Polissèna. Pirro figlio di Achille uccise Polissèna sulla tomba del padre (dopo che l'ombra d'Achille stesso l'ebbe domandata)..... Leggi e scoprì che il più giovane dei suoi figli, PolidoroNome di diversi personaggi, fra i quali: 1. un figlio di Cadmo ed Armonia (Hes. Theog. 975-978), padre di Labdaco; Apollod. Bibl 3, 5, 5; 2. figlio di Ippomedonte di Argo, uno degli Epigoni, Hygin. Fab. 71; 3. il piú giovane figlio di Priamo... Leggi, affidato al re del Chersoneso, Polimestore, durante l’assedio di Troia Città della Troade, chiamata propriamente Ilio dai Greci, teatro della decennale guerra. Secondo la leggenda sarebbe stata fondata da Troe, nipote di Dardano e padre di Ilo. Le sue mura sarebbero state costruite da Apollo e da Poseidone come espiazione per il tentativo di... Leggi era stato ucciso sulla costa della Troade. Per vendicarlo, Ecuba strappò gli occhi al re e uccise i suoi figli.
In un’altra tragedia, Troiane, venne destinata in schiava a Ulisse e assistette all’uccisione del nipote Astianatte. Quanto alla sua morte, esistono tre differenti versioni: fatta prigioniera, per la disperazione si gettò nell’Ellesponto (odierni Dardanelli); morì per i maltrattamenti dei suoi rapitori; fu trasformata in una cagna, ed ElenoFamoso indovino, figlio di Priamo e di Ecuba.... Leggi la seppellì, nel luogo che fu chiamato “Tomba della cagna”.
Quando cadde Troia, Ecuba cercò invano di difendere la vita dell’ultima figlia legittima, la bella Polissena, affidandola ad Enea Eroe troiano, figlio di Anchise e di Afrodite e discendente di Dardano. Fu partorito da Afrodite sul monte Ida. Fu sposo di Creusa dalla quale ebbe Ascanio. Enea col vecchio Anchise ed il piccolo Ascanio Combatté valorosamente sotto le mura di Troia durante l'assedio... Leggi benché ella lo conoscesse come traditore. Come all’inizio della guerra, però, i Greci non potevano ripartire,ma ora non per la bonaccia ma per le tempeste; e CalcanteNome dell'indovino, figlio di Testore, che aveva ricevuto da Apollo il dono della profezia (Hom. Il. 1, 69; 92; 2, 300 ss.). Potrebbe derivare dal verbo καλχαίνω, nel senso di "essere agitato, inquieto" e significare "colui che ha pensieri agitati". Von Kamptz (Homerische Personennamen,... Leggi disse che per placare gli dèi era necessario sacrificare Polissena. AntenorePrincipe troiano accusato di aver tradito la sua città ospitando segretamente Ulisse e concordato con lui come salvare i propri beni dopo la distruzione di Troia. Dopo la distruzione di Troia egli vagò attraverso l'Illiria, la Tracia e giunto in Italia fondò Padova che... Leggi riuscì a sottrarla ad Enea e la vergine fu uccisa, come era già avvenuto ad Ifigenia Figlia di Agamennone e di Clitennestra, nel momento in cui il padre stava per sacrificarla ad Artemide fu dalla stessa dea sostituita con una cerva ed assunta fra le sue sacerdotesse.... Leggi. Allora Ecuba impazzì e si trasformò in cagna o, secondo la versione razionalizzata accolta dai poeti medievali che si occuparono di Troia, fu lapidata dai Greci.

Crediti
   •  Ἑκάβη  •
 • Miti3000
 • Mitologia e dintorni
Nome della seconda moglie di Priamo (Hom. Il. passim), madre di Ettore Grande eroe troiano, figlio di Priamo e di Ecuba, sposo di Andromaca, dalla quale ebbe Astianatte. Combatté valorosamente a difesa della città di Troia. Omero gli dedica i versi più belli dell'Iliade, dipingendolo come padre affettuoso e valoroso guerriero. Uccise Patroclo, l'amico di Achille,... Leggi e di numerosi principi troiani.
Potrebbe trattarsi di una forma abbreviata per *Ἑκαβόλος, il cui secondo termine deriva da βάλλω, “gettare”, mentre il primo probabilmente da ἑκών (e non da ἑκάς, a cui è stato accostato per etimologia popolare); significherebbe allora “che colpisce il suo bersaglio, che tira a suo piacimento” (Chantraine, DELG; von Kamptz, Homerische Personannamen, p. 140; Wathelet, Dictionnaire des Troyens de l’IliadePoema epico dell'antica civiltà greca, del sec. VIII a.C. composto da Omero, in 24 canti o libri di complessivi 15.693 esametri in dialetto jonico. Racconta i fatti dell'ultimo mese e mezzo della decennale guerra di Ilio o Troia; il sorgere dell'ira di Achille verso... Leggi, p. 452). Carnoy (DEMGR), invece, ritiene che la seconda parte del composto sia βοῦς, “vacca”, impiegato come termine familiare ad indicare la donna o la madre, e che la prima derivi da ἑκα-, “a volontà”, visto che ebbe molti figli; oppure il significato del nome, sempre secondo questo studioso, potrebbe essere “dal numeroso bestiame, ricca di buoi”. Tali interpretazioni sembrano però piuttosto forzate.

Crediti
   •  Ἑκάβη  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Il giudizio di Paride
22% MediaMitologiaSergio Parilli
Quando Afrodite AfroditeDea greca dell'amore, i romani la identificarono in Venere. In occidente il culto della dea ebbe il suo maggior centro in Sicilia ad Erice dove esisteva un tempio dedicato a Tanit. Si praticavano riti di fecondità e la prostituzione sacra. Dalla Sicilia il culto... Leggi, la dea dell’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi e della bellezza, arrivò all’OlimpoEra la montagna sulla quale gli dèi avevano la loro sede. È alta tremila metri e fa parte alla catena montuosa che si estende tra la Tessaglia e la Macedonia. Con la sua cima ricoperta di nevi in inverno è nella sua base prosperoso... Leggi tutti gli dèi la accolsero con un applauso, solo due dee non si unirono a quell’applauso: Hera Antica divinità lunare venerata ad Argo; più tardi, ma molto prima di Omero, considerata regina del cielo. Come tale la si ritenne figlia di Crono e di Rea, fu la terza ad essere stata ingoiata dal padre. Fu madre di Ares, di Ilizia, di... Leggi ed Atena AtenaEra figlia di Zeus e di Metis. Così come aveva fatto Crono anche Zeus divorò la moglie incinta in modo di avere sempre con sè la consigliera. finita la gestazione Zeus avrebbe partorito la figlia dalla testa. Efesto funse da ostetrico spaccandogli la testa... Leggi. Le due dee erano gelose della bellezza di Afrodite, fino ad allora erano loro l⋯
Madre inadempiente
17% Aldo BusiSocietà
Le colpe dei padri cadranno talvolta sui figli, ma è sempre vero che un figlio abbandonato a se stesso o ai suoi capricci paga le colpe di una madre inadempiente.
Lo lasciarono
16% Joseph RothSchiele Art
Lo lasciarono. Si avvicinò alla finestra e li guardò salire in macchina. Gli parve di doverli benedire come figlioli che intraprendano una via molto difficile oppure una molto fortunata. Non li vedrò più – pensò poi – e non li benedirò nemmeno. La mia ben⋯
Tutta la mia vita
16% EstrattiGiusi Ferrari
Il mio prato è bianco come la purezza dell’aria che respiro. E tu arrivi a bastonare i miei figli e a rubare la morbidezza dei loro corpi ancora coscienti, bianchi come questo prato. E tu compri la loro innocenza rigata di sangue, ancora animata dalle nos⋯
La nuova Elena
16% Oscar WildePoesieSchiele Art
Dove sei stata da quando intorno alle mura di Troia i figli di Dio lottarono in quella grande impresa? Perché torni a camminare sulla nostra comune terra? Hai dimenticato quel ragazzo appassionato, la sua galea porpora e i suoi uomini di Tiro(in gr. Tyro), nella mitologia greca, figlia di Salmoneo e Alcidice, amata da Posidone, da lui ebbe i gemelli Pelia e Nelia. Secondo un'altra tradizione sposò il dio fluviale Nipeo, generando Neleo, secondo altri, sposò Creteo, con cui generà Esone, Fere e Amitaone.... Leggi, e gli occhi⋯