1) Isola della costa tirrenica che prendeva nome dalla maga Circe (o Eea), poi unita alla terraferma e detta Monte Circeo.
2) Città della Colchide governata da re Eeta (fratello di Circe CirceFamosa maga che abitava l'isola Eèa, la sua storia è largamente narrata nell'Odissea. Ulisse scampato alla tempesta approdò nell'isola della maga. Quando i suoi uomini andarono ad ispezionare l'isola incontrarono la maga che diede loro del cibo stregato che li tramutò in porci. Solo... Leggi, e padre di Medea Figlia del re di Colchide Eeta, sorella di Absirto e nipote della maga Circe. Aiutò Giasone a superare le prove che gli permisero di conquistare il vello d'oro e lo seguì a Iolco dopo averlo sposato a Drepane. Con il pretesto di rendergli vigore... Leggi), in cui era custodito il vello d’oroEra la pelle dell'ariete nato da Teofane e da Poseidone, donato poi da Ermes a Nefele, moglie di Atamante e madre di Frisso e di Elle. Quando per gli intrighi di Ino i due ragazzi dovettero essere sacrificati, la madre li fece fuggire in... Leggi riportato in Grecia dagli Argonauti Erano i cinquantadue eroi Greci partiti nel lunghissimo ed interminabile viaggio alla conquista del Vello d'oro. Capo supremo della spedizione era Giasone, seguono: Tifi, Ergino, Eufemo, Idmone, Mofo, Acaste, Anfiarao, Admeto, Anfidano, Anfione, Anceo, Argo, Asterione, Asterio, Augia, Bute, Castore, Ceneo, Cefeo, Clito, Echione,... Leggi. EÈTA Fu padre di Medea. Re della Colchide (Antica regione sulla costa orientale del Mar Nero, a sud del Caucaso, attualmente parte della repubblica della Georgia), Frisso col suo ariete dal vello d'oro giunse alla corte di Eeta, che lo accolse e gli diede in... Leggi Fu padre di Medea. Re della ColchideRegione dell'Asia dove era custodito il Vello d'oro.... Leggi, nelle stanze d’oro del suo palazzo di notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi andavano a riposare i raggi del sole.


Crediti

Similari
Non c’era mai bellezza
20% Guillaume ApollinairePoesieSchiele Art
Gli amici alla fine l’han confessato mi disprezzano A grandi sorsate trangugiavo le stelle Mentre dormivo un angelo ha portato lo sterminio Tra agnelli e pastori nei malinconici ovili Falsi centurioni andavano via con l’aceto E i mendicanti ballavano flag⋯
Istruzioni per cambiare il mondo
15% SocietàSubcomandante Marcos
i costruisca un cielo piuttosto concavo. Lo si dipinga di verde o di caffè, colori belli e terrestri. Lo si spruzzi di nubi a discrezione. Appendi con attenzione una luna piena a occidente, diciamo a tre quarti sull’orizzonte. Verso oriente si levi, lenta⋯
Ero soltanto delirio
14% LibriValerio Massimo Manfredi
Il suo abbraccio era così ardente che mi sembrava di non poterlo reggere. Ma come divincolarsi dall’abbraccio di una dea? Quando entrai in lei, penetrai nel suo grembo, mi sembrò di morire, di essere divorato, asciugato di ogni umore vitale, di perdere la⋯
La medesima intuizione
14% Fernando PessoaSchiele Art
Signora, tutte le religioni sono vere, per quanto possano sembrare tra di loro opposte. Sono simboli differenti della stessa realtà, sono come la stessa frase detta in varie lingue; tanto che non si intendono gli uni con gli altri anche dicendo la stessa ⋯
Raggi X
14% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Se osserviamo ai raggi X la casa del paziente vedremo i fantasmi dei libri sugli scaffali silenziosi o accatastati nel corridoio o su comodini e tavoli. Vedremo anche un taccuino con disegni, linee e frecce che divergono e si intersecano: sono i viaggi in⋯