Con questo nome nell’antica Grecia si designavano, (dal IV sec.), i giovani che a 18 anni venivano presentati dai loro padri ai demoti per essere iscritti nelle liste della leva militare e in quella dei cittadini. Gli Efèbi dopo la sottoposizione alla docimasia (un esame) che prevedeva anche una visita somatica.
In base alla provenienza venivano inviati in un efebeo dove venivano impartite lezioni di educazione fisica, di letteratura, di filosofia e musica. Trascorso un anno venivano loro consegnati uno scudo e una lancia e quindi inviati nelle caserme di confine per il periodo di 12 mesi completando così l’educazione bellica.
Gli Efèbei durano fino a tarda età imperiale, subendo grandi trasformazioni.
Negli Efèbei furono accettati anche stranieri, i maggiori Efèbei erano a: Atene, Argo Argo1) Figlio di Agenore e di Gea. Si diceva che avesse cento occhi che dormivano e vegliavano a turni di cinquanta, era dotato di una forza immane grazie alla quale uccise il satiro che rubava le greggi agli Arcadi e così pure Echidna che... Leggi, Cipro, Efeso, Rodi, SpartaFiglia di Eurota e di Cleta, eponima della città capitale della Laconia (Pausan. 3, 1, 2). Frisk (Gr. Et. Wört.) e Chantraine (DELG), ritenendo l'etimologia del toponimo oscura, riportano alcune ipotesi, come il confronto col verbo greco σπείρω, "seminare" e col nome di pianta... Leggi e TebeFiglia di Asopo e di Metope e sposa di Zeto che per amore diede il nome della moglie alla città che fino a quel momento era chiamata Cadmea.... Leggi.
L’Efèbia raffigurò il tipo ideale di uomo greco nel corpo e nello spirito e in particolare nella bellezza del fisico interpretata come espressione di quella interiore.
Per questo fu soggetto frequente della scultura e della pittura in età classica ed ellenistica.

Crediti
   •  Ἔφηβος  •
 • Miti3000
 • Mitologia e dintorni
Similari
Il coraggio e la guerra
22% David Foster WallaceSchiele Art
Scopo degli sport agonistici non è la bellezza, anche se gli sport ad alto livello sono luogo deputato per l’espressione della bellezza umana. Il rapporto è pressappoco quello che intercorre fra il coraggio e la guerra. La bellezza umana in questione è un⋯
I pittori olandesi
22% FilosofiaGeorg W. Friedrich Hegel
Ciò che è proprio di ogni opera d’arte è proprio anche della pittura: l’intuizione di ciò che in generale è nell’uomo, nello spirito e nel carattere umano, di ciò che l’uomo è e di ciò che quest’uomo determinato è. Tale concezione della interna natura uma⋯
Pensiero e spirito
18% AforismiAlbert Camus
Non si pensa nello stesso modo su una stessa cosa la mattina e la sera. Ma dov’è il vero, nel pensiero della notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi o nello spirito del mezzogiorno? • Albert Camus • • • • • Pinterest • •
L’umida bellezza
18% Iosif BrodskijLibri
In questa città si può versare una lacrima in diverse occasioni. Posto che la bellezza sia una particolare distribuzione della luce, la lacrima è il modo con cui la retina – come la lacrima stessa – ammette la propria incapacità di trattenere la bellezza.⋯
Cos’è dunque la malinconia?
17% Schiele ArtSøren Kierkegaard
È l’isterismo dello spirito. Giunge un momento nella vita dell’uomo in cui l’immediatezza diviene quasi matura ed in cui lo spirito esige una forma superiore nella quale affermare se stesso come spirito. Come spirito immediato l’uomo è una cosa sola con t⋯