Nome di due giganti: 1. uno degli Aloadi che assalirono l’Olimpo, fratello di Oto (Hom. Od. 11, 307 ss.), figli di Aloeo e di Ifimedea; 2. uno degli avversari degli dèi, ucciso da Apollo ed Eracle (Apollod. Bibl. I 6, 2); 3. ed anche del demone dell’incubo, corrispondente alla chauchevieille delle Alpi francofone (cfr. N. Abry e V. Huss curr., Etres fantastiques. De l’imaginaire alpin à l’imaginaire humain, Grenoble 2006).
È attestato come antroponimo già in miceneo: e-pi-ja-ta (PY An 115); significa “incubo”. Già dall’antichità (e ora da von Kamptz, Homerische Personennamen, p. 77) questo nome è stato interpretato come un composto di ἐπί e ἅλλομαι, “saltare su qualcuno”, ma secondo Chantraine (DELG) il fatto che non si verifichi un’elisione del preverbo potrebbe creare delle difficoltà. Altra ipotesi di Chantraine è che derivi da ἐπίαλος, nome della febbre. Secondo Mader (in Snell, Lex. fr. Ep., col. 827) deriverebbe invece da ἰάλλω, “inviare, lanciare” e non da ἅλλομαι.

Crediti
   •  Ἐφιάλτης  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Labirinti da incubo
14% Octavio PazPercorsi
L’uomo moderno ama pretendere che il suo pensiero sia sveglio. Ma questo pensiero sveglio ci ha portato nei labirinti di un incubo in cui le camere di tortura sono infinitamente ripetute negli specchietti della ragione. • Octavio Paz • • • • • Pinterest •⋯
Il nulla come possibilità
12% Emanuele SeverinoFilosofia
In una delle sue forme più coerenti il nichilismo (cfr. “Essenza del nichilismo”) pensa che la totalità degli enti abbia un inizio. Avere un inizio significa, per la totalità, avere un «prima». Se non avesse un «prima», se non fosse nel tempo, sarebbe ete⋯
La creazione contorta a incubo
12% LettereRichard Hughes
Dio fornisce l’accecante pentacolo della Sua potenza perché il fragile mantoFiglia di Tiresia, dotata anch'essa del dono della profezia. A Delfi fu offerta ad Apollo dagli Argivi vittoriosi e rimase a lungo in questa città come Sibilla. Si trasferí poi in Asia Minore, dove sposò il cretese Racio, con cui generò un figlio, l'indovino... Leggi di una persona ci sia plasmato sopra. Perciò se hanno percorso una così improbabile distanza, e nonostante i pericoli, la forza perfetta è di Dio. E se i tratti di famiglia lanci⋯
Non darsi per vinto
12% Autori VariPoesie
Ho conosciuto l’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi degli uomini, ed era possessivo. Ho conosciuto la loro amicizia, ed era sfruttamento. Ho conosciuto il loro aiuto, ed era umiliazione. Ho conosciuto la pietà degli uomini, ed era degnazione. La loro protezione, ma aveva un secondo fi⋯
Illuminazione di inanità
12% FilosofiaThomas Ligotti
Sapere, capire nel senso più pieno, significa immergersi in un’illuminazione di inanità, un paesaggio invernale della memoria la cui sostanza è tutta ombre e una profonda consapevolezza degli spazi infiniti che ci circondano su tutti i lati. All’interno d⋯