Figlia di Atamante e Nefele 1., sorella di Frisso (Apollod. Bibl. 1, 9, 1, Hygin. Fab. 3), diede il suo nome all’Ellesponto.
Si tratta di un nome di difficile interpretazione; Höfer (in Roscher, Myth. Lex. I, col. 2029) riporta varie ipotesi, tutte poco accettabili: 1) da ἕλος, “palude”; 2) apparentato al sanscrito svar, “splendere” (si veda il greco σέλας, σελήνη Dea della luna e sorella di Elio. Ebbe delle avventure con Endimione, Pan e con Zeus col quale generò Pandia la lucente, personificazione del chiarore del plenilunio.... Leggi); 3) da εἵλη, “calore del sole”; 4) da ἑλλός, “muto”. Secondo Carnoy (DEMGR), invece, risalirebbe all’indoeuropeo *suelia (da suel, “sole”) e significherebbe dunque “la splendente, la solare”. Piú probabile tra tutte appare l’ipotesi di Mader (in Snell, Lex. fr. Ep., col. 556), che ritiene derivi dall’etnico Ἑλλοί, Ἑλλάς, forse da collegare con l’omerico Ἑλλός (Hom. Od. 19, 228), sorta di cervide, “cerbiatto”.

Crediti
   •  Ἕλλη  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Il mito è quel nulla che è tutto
16% Fernando PessoaFrammenti
Lo stesso sole che apre i cieli è un mito brillante e muto, il corpo morto di Dio, vivente e nudo. Questi, che qui approdò, poiché non c’era cominciò ad esistere. Senza esistere ci bastò. Per non essere venuto venne e ci creò. La leggenda così si dipana, ⋯
Svuotarsi di spazio
15% Aldo Busi
Possibile che ci sia ancora qualche ingenuo che non capisce che una sorta di luce è una condanna non dissimile da una sorte di sole tenebre? Chi perde la penombra è svuotato di spazio.
Il corpo morto di Dio
15% EstrattiFernando Pessoa
Il mito è quel nulla che è tutto. Lo stesso sole che apre i cieli è un mito brillante e muto, il corpo morto di Dio, vivente e nudo. Questi, che qui approdò, poiché non c’era cominciò ad esistere. Senza esistere ci bastò. Per non essere venuto venne e ci ⋯
Il fluire caotico del mondo
13% Eraclito di EfesoFilosofia
Eraclito ci riporta dalla purezza pitagorica nel fluire caotico del mondo. Esiste una sola sapienza: riconoscere l’Intelligenza che governa tutte le cose attraverso tutte le cose governa tutte le cose attraverso tutte le cose. Quest’ordine, che è identico⋯
Io venni in luogo d’ogni luce muto
13% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi venni in luogo d’ogni luce muto, che mugghia come fa mar per tempesta, se da contrari venti è combattuto.