Nome di una leggendaria popolazione abitante sulla riva del Ponto Eusino, con la testa di cane (Hesiod. apud Strab. 1, 2, 35).
Si tratta di un composto di ἡμι-, “mezzo” e di κύων, “cane” e significa “mezzi cani”.

Crediti
   •  Ἡμίκυνες  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Non possiamo fare gli struzzi
13% PoliticaThurgood Marshall
La democrazia non può fiorire in mezzo alla paura. La libertà non può fiorire in mezzo all’odio. La giustizia non può mettere radici in mezzo alla rabbia. Dobbiamo dissentire dall’indifferenza. Dobbiamo dissentire dall’apatia. Dobbiamo dissentire dalla pa⋯
È la vita dopo tutto
13% FrammentiJames Joyce
E poi l’agnello e il gatto e il cane e il bastone e l’acqua e il macellaio, e poi l’angelo della morte uccide il macellaio, e questi uccide il bove e il cane uccide il gatto. Sembra tutto un po’ sciocco finché non ne hai visto bene il fondo. Vuol dire giu⋯
Il midollo della caninità
12% FrammentiFranz Kafka
Perché rinfacci agli altri di essere taciturni e tu stesso taci? Facile rispondere: perché sono un cane. Essenzialmente chiuso e taciturno, proprio come gli altri, renitente alle mie domande, ostinato per paura. A rigore interrogo forse, almeno da quando ⋯
Si diviene animale solo molecolarmente
12% FrammentiGilles Deleuze
Si diviene-animale soltanto se, attraverso mezzi ed elementi qualunque, si emettono corpuscoli che entrano nel rapporto di movimento e di stasi delle particelle animali o, il che è lo stesso, nella zona di vicinanza della molecola animale. Si diviene anim⋯
Mi-mmamaqqim qeratikhà Adonai
12% DisegniGuido Ceronetti
Cane sepolto nella sabbia, si diceDea della Giustizia, detta anche Astrea, figlia di Zeus e Temi, fu considerata il principio fondamentale per lo sviluppo di ogni società civile. Era una delle Ore, stanca degli errori degli uomini si trasferì in cielo diventando la costellazione della Vergine.... Leggi, o lottante contro la corrente: l’artista è stato vago, probabilmente non ha voluto finire avendo capito che quella testa sprofondata in una massa d’indefinita amaritudine, con sopra uno spazio enorme, forse vuoto forse ⋯