Uno dei giganti che mosse guerra a Zeus. Era figlio di Urano e Gèa, fu da Zeus fulminato e da Atena messo sotto la Sicilia e ancora oggi dall’Etna (in corrispondenza con la sua testa) vomita fiamme contro il cielo
Anche uno dei figli di Egitto.


Crediti

   • Ἐγκέλαδος •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Similari
Giocavo con il fuoco
24% Raymond RadiguetSchiele Art
Quando dormiva così, con la testa appoggiata al mio braccio, mi chinavo su di lei per vedere il sui viso circondato dalle fiamme. Giocavo con il fuoco. Un giorno che mi avvicinai troppo senza che il mio viso toccasse il suo, diventai l’ago che passa di un⋯
Dal passato remoto viene creato il futuro
20% AstrofisicaCarl Gustav Jung
Quando alzate lo sguardo al cielo e vi meravigliate della bellezza delle stelle, queste vi appaiono non come sono ora, ma come furono innumerevoli milioni di anni fa. Stando alle apparenze, è una nuova stella quella che vedete risplendere, ma quella stell⋯
La morte della filosofia
20% FilosofiaJacques Derrida
Che la filosofia sia morta ieri, dopo Hegel o Marx, Nietzsche o Heidegger – e la filosofia dovrebbe ancora errare verso il senso della sua morte – o che sia sempre vissuta sapendosi moribonda, come viene riconosciuto in silenzio nell’ombra prodotta dalla ⋯
Atteggiamento dispotico
18% Etty HillesumSchiele Art
Ecco la tua malattia: pretendi di rinchiudere la vita nelle tue formule, di abbracciare tutti i fenomeni della vita con la tua mente, invece di lasciarti abbracciare dalla vita. Com’era un tempo: va bene che tu affacci la tua testa in cielo, ma non che tu⋯
Mai dimenticherò quel fumo
18% Elie WieselFrammenti
Mai dimenticherò quella notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi, la prima notte nel campo, che ha fatto della mia vita una lunga notte e per sette volte sprangata. Mai dimenticherò quel fumo. Mai dimenticherò i piccoli volti dei bambini di cui avevo visto i corpi trasformarsi in volute di⋯