Figlio di Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi e di Io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi. Padre di Libia che fu da Poseidone Figlio di Crono e di Gea, fratello di Zeus e di Ade. A lui toccò la signoria del mare, comprese le coste e le isole ed essendo la terra territorio franco non disdegnava prendere qualche proprietà. Abitava in un palazzo in fondo agli abissi... Leggi resa madre di AgenoreFiglio di Poseidone e di Libia (re di Tiro), marito di Tefassa e padre di Cadmo, Fenice, Cilice e Europa. Quando Zeus rapì Europa (sotto forma di Toro) Agenore mandò i rimanenti figli alla ricerca della sorella con l'imposizione di non fare ritorno a... Leggi e BeloNome di uno dei due gemelli figli della ninfa Libia e di Poseidone (l'altro si chiamava Agenore), nipoti di Epafo (Apollod. Bibl. 2, 1, 4). Deriva dal nome semitico del dio Baal, Bel (Bernhard, in Roscher, Myth. Lex. I col. 778).... Leggi.


Crediti

   •  Ἔπαφος •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Figlio di Zeus ed Io, affidato per nasconderlo ai Cureti dalla madre che temeva l’ira di Era (Apollod. Bibl. 2, 1, 3 e 4); i suoi figli e nipoti sono eponimi di popoli della costa africana: Libia, Egitto, Belo, etc. Carnoy (DEMGR) riprende un’ipotesi già antica secondo la quale questo nome si potrebbe collegare con quello del dio egiziano Api (Herod. 2, 153: “Api in lingua greca è Epafo”). Altri invece (Aesch. Suppl. 17 e 45; Prom. 849 ss.) lo ricollegavano al fatto che Zeus aveva “toccato” Io (si veda il greco ἐπαφή, ἐπαφάω, ἅπτω; ma secondo Chantraine (DELG) si tratta probabilmente di un’etimologia popolare.


Crediti

   •  Ἔπαφος •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Pazzo, ma non dimezzato
21% PoesieSchiele ArtTristan Corbière
Vorrei essere un punto dalle masse disfatto, Un punto spazzato nella notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi degli spazi, … E non lo sono affatto! Vorrei essere allora un cane di mondana, Leccare un po’ d’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi che non sia pagato; O dea crinita sulla costa africana, O pazzo, ma riuscito: ⋯
Monolinguismo permanente
17% Jacques DerridaLinguaggio
Il mio monolinguismo è permanente, e lo chiamo la mia dimora, e lo avverto come tale, ci sto e lo abito. Esso mi abita… Al di fuori da questo non sarei me stesso. Esso mi costituisce, mi detta ogni cosa fino all’ipseità, mi prescrive, anche, una solitudin⋯
Testamento di Mu’ammar Gheddafi
15% Mu’ammar GheddafiPolitica
Nel nome di Allah, il misericordioso, il benefattore. Per 40 anni, o forse di più, ho fatto tutto quello che ho potuto per dare al popolo case, ospedali, scuole. E quando avevano fame, gli ho dato cibo. Ho trasformato Bengasi da un deserto in terra fertil⋯
Lingua essenziale
15% Giovannino GuareschiLinguaggio
Il latino è una delle cose più pulite che esistano al mondo. Leggendo un testo latino non si troverà una parola non necessaria, una parola inutile. Neppure è vero che il latino non serva a nulla e sia una lingua morta. Il fatto che non lo si parli più è d⋯
Un niente che non implichi alcun significato
15% Jean-Luc NancyLinguaggio
La verità viene dalla lingua già persaChiamata anche Perseide fu la ninfa amata da Elio, fu madre di Circe e Pasifae.... Leggi o ancora a venire. Viene dalla voce che si cerca dietro la voce. Una lingua inaudita, un giro linguistico irripetibile, un’incisione praticata nella lingua dalla lama di un fuori, fatto al tempo stesso di non-lingua ⋯