Eroe tessalo, figlio di Agacle; uccise il cugino e fuggí presso Peleo; partecipò alla guerra di Troia con Achille (Hom. Il. 16, 570 ss.).
Il nome, già presente in miceneo (E-pe-ke-u, PY Jn 431), deriva dal verbo ἐπείγω, “pressare, spingere, accelerare” e significa dunque “colui che incalza, spinge, s’affretta”.

Crediti
   •  Ἐπειγεύς  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Dare valore al silenzio
18% Franco ArminioPercorsi
Abbiamo bisogno di contadini, di poeti, di gente che sa fare il pane, di gente che ama gli alberi e riconosce il vento. Più che l’anno della crescita, ci vorrebbe l’anno dell’attenzione. Attenzione a chi cade, attenzione al sole che nasce e che muore, atte⋯
L’amore incalza inesorabile
15% AforismiÉdouard SchureSchiele Art
Mi domandavo se l’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi può ingannare il suo assassinio: il tempo che incalza inesorabile.
In principio fuit interpres
13% Gianfranco FolenaLinguaggio
Ogni civiltà nasce da una traduzione. È noto Dio dell'omonimo vento del sud, apportatore di tempeste e di oscurità per cui rendeva insicura la navigazione. Era chiamato anche col nome di Austro.... Leggi che all’inizio di nuove tradizioni di lingua scritta e letteraria, fin dove possiamo spingere lo sguardo, sta molto spesso la traduzione: sicché al vulgato superbo motto idealistico in principio fuit poeta vien⋯
Pentolino di latta
13% Gustave FlaubertSchiele Art
Nessuno, mai, riesce a dare l’esatta misura di ciò che pensa, di ciò che soffre, della necessità che lo incalza, e la parola umana è spesso come un pentolino di latta su cui andiamo battendo melodie da far ballare gli orsi mentre vorremmo intenerire le st⋯
Via l’entourage artificiale
13% FrammentiWalt Whitman
Via dunque a sciogliere, slegare l’arco divino, così lungo e teso. Via da tende, tappeti, sofà, dalla ‘società’ dalle case della città, dalle sue strade, da tutti i ritrovati e i conforti moderni, via verso il primitivo serpeggiante ruscello tra i boschi ⋯