1. Popolo del Caucaso, che era solito avere rapporti con le Amazzoni, quando queste decidevano di generare figli, durante due mesi primaverili. Le incontravano su un monte, le ingravidavano, e poi si dividevano i figli, i maschi per loro, le femmine per le donne guerriere; Strabo 11, 5, 1, cfr. Steph. Byz. 199.11, s. v. Γαργαρεῖς.
2. Formazione a raddoppiamento espressivo, di etimo sconosciuto, si potrebbe collegare a γάργαρα, neutr. plur., “folla di persone”. Assai meno probabile l’accostamento a γαργαρίζω, “faccio gargarismi”. Ancor meno plausibile è la interpretazione “i Tonanti”, Donnerer, che si trova in Drexler, apud Roscher (A.L.G.R.M.), s. v. vol. I, col. 1604.

Crediti
   •  Γαργαρεῖς  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
L’universo casuale
17% FrammentiRobert Anson Heinlein
L’universo era un luogo assai strano… ma la spiegazione meno probabile per la sua esistenza era proprio la non-spiegazione della casualità, il concetto che qualche cosa astratta fosse semplicemente e “casualmente” diventata una serie di atomi che si era⋯
L’instabilità dei caratteri
15% Jane AustenSchiele Art
Sono poche le persone a cui io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi voglio veramente bene e ancor meno sono quelle di cui io nutro una buona opinione. Più conosco il mondo e meno ne sono entusiasta: ogni giorno che passa mi conferma nel mio giudizio sull’instabilità dei caratteri e sullo sca⋯
Moltitudine, solitudine
13% Charles BaudelaireSchiele Art
Non a tutti è dato di prendere un bagno di moltitudine: godere della folla è un’arte; e può concedersi un’orgia di vitalità a spese del genere umano soltanto quello a cui una fata abbia insufflato fin dalla culla il gusto del travestimento e della mascher⋯
La folla briosa
13% Giovanni VergaSchiele Art
Sì, Milano è proprio bella, amicoFiglio di Poseidone, grande pugile e re dei Bebricioni. Col suo popolo abbandonò la Tracia per stabilirsi in Bitinia, dove allettando le genti con giochi e pubblici divertimenti, le attirava in una foresta dove le derubava ed uccideva. Amico fu ucciso da Polluce e... Leggi mio, e credimi che qualche volta c’è proprio bisogno di una tenace volontà per resistere alle sue seduzioni, e restare al lavoro. Ma queste seduzioni sono fomite, eccitamento continuo al lavoro, sono l’aria respirabile pe⋯
Publicis, publi-Minore
13% Lucien Joseph EngelmajerPercorsi
Si è creata per tutti la stessa immagine choc della scelta. Si sceglie liberamente d’essere come gli altri, lo stesso tedio, lassismo e attizzatoio per la brace. Si spegne da sola, senza neppur sapere se è qui, tanto la gente è assente al punto di rifless⋯