Figlia di Perseo ed Andromeda (Pausan. 2, 21, 7; 3, 1, 4; 4, 2, 4).
Il nome è un composto di Γοργώ, “Gorgone” e di -φόνος, nome d’agente a vocalismo o che si trova spesso in composizione, dal verbo θείνω, “colpire”; significa “assassina della Gorgone”, ma si tratta certamente di un nome patrocelebrativo, in quanto fu Perseo ad uccidere la Gorgone, quindi “figlia dell’assassino della Gorgone”. È attestato anche il maschile Gorgofono (Γοργοφόνος), nome 1. di un nipote di Perseo (Apollod. Bibl. 2, 4, 5) e 2. di un re di Epidauro, fondatore di Micene (Ps.-Plut. De Fluv. 18, 7).

Crediti
   •  Γοργοφόνη  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Lo scudo di Perseo
24% LibriMaria StellaMitologia
Gli antichi greci raccontavano tante storie su Perseo Figlio di Danae e di Zeus e nipote di Acrisio re di Argo. Dato che Polidette considerava d'impaccio per le sue intenzione poco oneste nei confronti di Danae pensò di toglirselo dai piedi spingendo il giovane ad imprese impossibili. Perseo con l'incoscienza della gioventù... Leggi, ma certamente quella che amavano di più era quella in cui il figlio di Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi e Danae Unica figlia di Acrisio re di Argo e di Euridice. Acrisio avendo avuto dallo oracolo di Delfi la predizione che un giorno sarebbe stato ucciso dal nipote, egli rimediò chiudendo la figlia in una cella sotterranea con la sola compagnia di una ancella, sicuro... Leggi riusciva a tagliare la testa a Medusa Una delle Gorgoni, l'unica mortale delle tre, figlia delle divinità marine Forco e Cheto. Era in origine una bella fanciulla, ma le sue chiome vennero tramutate in serpenti da Atena che volle punirla per essersi concessa a Poseidone in uno dei templi dedicati alla... Leggi, la terribile creatura che aveva delle serpi al posto dei capelli e rendeva di⋯
Gli intralci dell’espressione
13% Emil CioranLinguaggio
Dal momento stesso in cui una donna si vota alla filosofia, diviene presuntuosa e aggressiva, e reagisce da parvenue. Arrogante e tuttavia incerta, visibilmente sbalordita, non si trova al sicuro nel suo elemento. Come mai il disagio che ispira il suo cas⋯
Immaginate un mondo di oggetti incomprensibili
12% FrammentiSaktan Brhage
Immaginate un occhio non governato dalle leggi prospettiche create dall’uomo, un occhio non condizionato dalla logica della composizione, un occhio che non sia sensibile al nome d’ogni cosa ma che debba conoscere ogni oggetto che incontra nella vita attra⋯
L’illusione in prestito
12% Jane AustenPoesie
Anche a me è capitato spesso di fare errori di questo genere e cioè di fraintendere completamente il carattere di una persona, immaginandola molto più felice o triste, o intelligente o sciocca di quanto non sia realmente, eppure non saprei dire perché, né⋯
Lezioni private dell’esperienza
11% Arthur SchopenhauerSchiele Art
Per vivere in modo perfettamente assennato e per trarre dalla propria esperienza tutto l’insegnamento possibile è necessario ripensare spesso al passato e ricapitolare quanto si è sperimentato, le aspirazioni con i risultati raggiunti e le soddisfazioni o⋯