Figlie di ForcoDio marino figlio di Ponto e di Gea. Sposò la sorella Cheto ed ebbe per figli: Le Graie, le Gorgoni, e il serpente Ladone. (Una bella famigliola) FTIA Apollo la rese madre di Doro GALASSAURA Una delle NinfeOceanine... Leggi e di ChetoFiglia di Ponto e di Gea, sposò il proprio fratello, Forchi, al quale diede le Graie e le Gorgoni.... Leggi.Il loro nome proviene dal greco gorgós=spaventoso Erano: Steno, EurialeUna delle Gorgoni. e Medusa Una delle Gorgoni, l'unica mortale delle tre, figlia delle divinità marine Forco e Cheto. Era in origine una bella fanciulla, ma le sue chiome vennero tramutate in serpenti da Atena che volle punirla per essersi concessa a Poseidone in uno dei templi dedicati alla... Leggi.
Avevano ali d’oro, mani di ferro, zanne di cinghiale e in testa al posto dei capelli avevano dei serpenti. Avevano il potere di pietrificare chi le guardava. (Esiodo Teogonia 274 ss., non accenna al mostruoso aspetto delle tre Gorgoni, ma si limita a fissare la loro dimora nell’estremo occidente, vicino al giardino delle Esperidi).


Crediti

   • Γοργώ •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
 ⋯ Figlie di Forco e di Cheto. Erano: Steno, Euriale e Medusa.

Era mortale questa, immuni da morte o vecchiezza le prime due: con quella, sui fiori d’un morbido prato a Primavera, il Nume s’uní dalla chioma azzurrina (Esiodo Teogonia 274 ss.).

Nel racconto di Ovidio, la sola ad avere serpenti al posto dei capelli è Medusa, e ci spiega anche il motivo:
Uno dei presenti interviene allora chiedendo perché solo Medusa fra le sorelle avesse serpenti in mezzo ai capelli. E l’ospite risponde:

Visto che vuoi sapere cosa che merita raccontare, eccoti il perché.
Di eccezionale bellezza, Medusa fu desiderata e contesa da molti pretendenti, e in tutta la sua persona nulla era più splendido dei capelli: ho conosciuto chi sosteneva d’ averla vista.
Si diceDea della Giustizia, detta anche Astrea, figlia di Zeus e Temi, fu considerata il principio fondamentale per lo sviluppo di ogni società civile. Era una delle Ore, stanca degli errori degli uomini si trasferì in cielo diventando la costellazione della Vergine.... Leggi che il signore del mare la violasse in un tempio di Minerva: inorridita la casta figlia di Giove ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi con l’egida Era un oggetto e fregio molto misterioso di Zeus. Forse uno scudo circondato da serpenti con al centro la testa di Medusa. Scuotendolo incuteva terrore ai nemici, con quest'oggetto scatenava anche le tempeste. L'Egida fu costruita da Efesto e anche la dea Atena col... Leggi si coprì il volto, ma perché il fatto non restasse impunito mutò i capelli della Gòrgone in ripugnanti serpenti.
Ancor oggi la dea, per sbigottire e atterrire i nemici, porta davanti, sul petto, quei rettili che lei stessa ha creato.

In questo passo abbiamo scoperto che Medusa era di bellezza eccezionale.


Crediti

   • Γοργώ •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Nome di tre donne mostruose, figlie di Forcide e Ceto, con le teste circondate da serpenti, zanne e occhi che pietrificavano (Hesiod. Theog. 274 ss.).
Deriva dall’aggettivo γοργός, “terribile, feroce, selvaggio”, con il suffisso -ώ molto produttivo nella formazione di nomi femminili e di forze viventi, anch’esse femminili (Chantraine, Formation, pp. 115 ss.). Si tratta di un termine espressivo a raddoppiamento, confrontabile con Μορμώ (cfr. s. v.).


Crediti

   • Γοργώ •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
I ciechi e l’elefante
25% PsicologiaRacconti
C’era una volta un re che ordinò al suo ministro: Riunisci in una piazza tutti gli uomini del regno, che sono ciechi fin dalla nascita!. Il ministro eseguì l’ordine e quindi lo annunziò al re. Questi si recò sulla piazza, dov’erano riuniti i ciechi, ed or⋯
Sull’amore
21% Hermann HesseSchiele Art
Quanto più invecchiavo, quanto più insipide mi parevano le piccole soddisfazioni che la vita mi dava, tanto più chiaramente comprendevo dove andasse cercata la fonte delle gioie della vita. Imparai che essere amati non è niente, mentre amare è tutto, e se⋯
Non tiravo nessun carro, io
20% Luigi PirandelloSocietà
Ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi rimasto così, fermo ai primi passi di tante vie, con lo spirito pieno di mondi o di sassolini, che fa lo stesso. Ma non mi pareva affatto che quelli che m’erano passati avanti e avevano percorso tutta la via, ne sapessero in sostanza più di me. M’eran⋯
Lo scudo di Perseo
19% LibriMaria StellaMitologia
Gli antichi greci raccontavano tante storie su Perseo Figlio di Danae e di Zeus e nipote di Acrisio re di Argo. Dato che Polidette considerava d'impaccio per le sue intenzione poco oneste nei confronti di Danae pensò di toglirselo dai piedi spingendo il giovane ad imprese impossibili. Perseo con l'incoscienza della gioventù... Leggi, ma certamente quella che amavano di più era quella in cui il figlio di Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi e Danae Unica figlia di Acrisio re di Argo e di Euridice. Acrisio avendo avuto dallo oracolo di Delfi la predizione che un giorno sarebbe stato ucciso dal nipote, egli rimediò chiudendo la figlia in una cella sotterranea con la sola compagnia di una ancella, sicuro... Leggi riusciva a tagliare la testa a Medusa, la terribile creatura che aveva delle serpi al posto dei capelli e rendeva di⋯
La solita storia
18% Giovanni VergaSchiele Art
Soltanto il mare gli brontolava la solita storia lì sotto, in mezzo ai faraglioni, perché il mare non ha paese nemmeno lui, ed è di tutti quelli che stanno ad ascoltare, di qua e di là dove nasce e muore il sole. Un tempo i Malavoglia erano stati numerosi⋯