Dal greco Hyades, le Piovose, nella mitologia antica erano le figlie di Atlante e Pleione. Furono trasformate da Zeus, per aver abbandonato (impaurite da Era) Bacco BaccoUno dei tanti nomi per indicare il dio Dioniso. Gli erano sacre le foreste e le vallate dove viveva freneticamente. Fu dio della forza fecondatrice della natura, venerato dalle donne. La sua origine è alquanto complessa, quindi ci limitiamo a queste brevi righe onde... Leggi infante ed essersi rifugiate a TebeFiglia di Asopo e di Metope e sposa di Zeto che per amore diede il nome della moglie alla città che fino a quel momento era chiamata Cadmea.... Leggi, nelle piovose stelle della costellazione del Toro.


Crediti

   • Ὑάδες •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
1. Ninfe Con questa parola i Greci designano una giovane donna in età sessuale matura, per cui il termine poteva essere usato per indicare senza distinzione una dea o una mortale. Il termine anche se indicava una figlia di dea o una figlia di dio non... Leggi delle selve, delle fonti e delle paludi, figlie di Atlante Gigante figlio di Giapèto per aver aiutato gli altri giganti nella rivolta contro Zeus, fu condannato a reggere il peso del mondo sulle spalle. Egli possedeva il giardino delle esperidi, dove maturavano i famosi pomi d'oro. Prima che Zeus lo condannasse a quella triste... Leggi e di Etra1) figlia di Pitteo, re di Trezene, sposa di Egeo; fu amata da Poseidone, da cui ebbe Teseo; secondo altri sposa di Poseidone. Teseo le affidò Elena, ma, dopo che i Dioscuri la liberarono, Etra la seguì come schiava a Sparta e a Troia,... Leggi.
2. Iadi dal greco Hyades significa le Piovose. Esse erano 7 o 11, ecco i nomi di alcune di esse: Fesile, AmbrosiaEra il cibo degli dèi, così come il nettare era la loro bevanda. Chi lo assaggiava diveniva immortale, e d'ambrosia di nutrivano anche i cavalli degli dèi. Si dice che provenisse dall'orto delle Esperidi. Anche una figlia di Atlante si chiamava Ambrosia e anche... Leggi, CoronideCORONIDE Principessa arcade amata da Apollo al quale però fu infedele. Il dio fu avvertito del suo tradimento da un corvo bianco, animale a lui sacro, e volle punirla facendola uccidere dalle frecce della sorella Artemide. Nell'esalare l'ultimo respiro, Coronide pregò il dio di... Leggi, Eudora, Polisso. Si pensava che fossero state trasferite in cielo perché come nutrici di Bacco, Licurgo Diversi i personaggi con questo nome, ma noi ci occuperemo di quello legato maggiormente legato a un rapporto con le divinità seppure si tratta di un mito cruento. Il Licurgo in questione è quello legato al mito di Dioniso alla conquista della Tracia. Egli... Leggi le aveva cacciate via dall’isola di NassoIsola del mare Egeo, la più grande delle Cicladi, legata alle vicende di Dioniso e Arianna.... Leggi. Allora si consumarono dal pianto e Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi le mutò nelle piovose stelle della costellazione del Leone: le Iadi.
Secondo un’altra versione morirono struggendosi in lacrime quando la loro sorella venne divorata da un leone. Zeus le mutò, allora, in un gruppo di stelle nella costellazione del Leone. Poiché il loro sorgere coincideva, in Grecia, con l’inizio della stagione delle piogge, gli antichi immaginarono che esse continuassero a piangere, dal cielo, la sorella straziata dalla belva.
3. Nome di un gruppo di stelle, che erano state prima le nutrici di Dioniso (Eratosth. Catast. 14).
4. L’etimologia di Ellanico (Schol. ad Hom. Il. 18, 486), secondo cui questo nome deriverebbe dal verbo ὕειν, “piovere” (dato che si supponeva queste stelle annunciassero la stagione delle piogge), è la piú seguita; ma secondo Chantraine (DELG) si tratta di un’etimologia popolare: meglio supporre che derivi da ὗς, “scrofa”, dato che di solito le costellazioni hanno nomi di animali e questa può far pensare ad una scrofa circondata dai suoi piccoli.


Crediti

   • Ὑάδες •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Similari
Le stelle filanti
24% LibriMark Twain
È una vita magnifica vivere sopra una zattera. Sopra la testa il cielo, tutto pieno di stelle, e noi stesi sulla schiena, e si guardava lassù, e si discuteva se erano state fatte, o semplicemente capitate, così, da sole, e Jim pensava che erano state fatt⋯
Bastò il piombo
20% FrammentiOmero di Chio
…Era il mostro di origine divina, leone la testa, il petto capra, e dragoMostro favoloso che si ritrova in tutte le antiche mitologie. Rettile alato con ali di pipistrello, con testa di cane, zampe di leone, e bocca con una o più lingue che vomita fuoco e fiamme. Nella letteratura e nell'arte cinese, è uno degli elementi... Leggi la coda; e dalla bocca orrende vampe vomitava di foco1. Eroe eponimo della Focide, figlio di Eaco e della Nereide Psamate, fratellastro di Peleo (Hesiod. Theog. 1004-05) ed anche 2. nome di un abitante di Glissa in Beozia, che stabilì che i numerosi pretendenti della figlia Calliroe dovessero battersi con le armi, ma... Leggi: e nondimeno, col favor degli Dei, l’eroe la spense… La chimera Mostro favoloso, figlia di Idra, poi partorí Chimera, che fuoco spirava, che immane era, tremenda, veloce nei piedi, gagliarda. Essa tre teste aveva: la prima di fiero leone, l'altra di capra, la terza di serpe, d'orribile drago (Esiodo, Teogonia). Fu uccisa da Bellerofonte. Vomitava... Leggi è un mostro mitologico con parti del corpo di animali diversi. ⋯
Mondi mai comprensibili
19% LinguaggioLudwig Wittgenstein
«Se un leone potesse parlare non lo capiremmo comunque» – così diceva Wittgenstein – ma penso che se un leone potesse parlare e potesse capire, non sarebbe più un leone. Perché parlando con lui non riusciremmo mai a capire gli altri leoni giacché il nostr⋯
Io sono verticale
17% PoesieSylvia Plath
Stasera, all’infinitesimo lume delle stelle, alberi e fiori hanno sparso i loro freddi profumi. Ci passo in mezzo ma nessuno di loro ne fa caso. A volte io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi penso che mentre dormo forse assomiglio a loro nel modo piu’ perfetto – con i miei pensieri andati ⋯
Armonico assolo
17% FrammentiWilliam Shakespeare
L’identità non era equivalenza: con la loro natura, unica pur sotto un duplice nome, esse non contavano né per uno né per due. La ragione, confusa da se stessa, vedeva l’unione nella loro divisione; assorbita l’una nell’altra, distinta una dall’altra, que⋯