1) una delle Ninfe Oceanine, dunque nata da Tetide e Oceano, Hes. Theog. 349; Hygin. Fab. (praef.) 6 (tuttavia assente nel catalogo che si trova in Apollod. Bibl. 1, 2); secondo l’Hymn. Hom. ad Cer. 418 figurava tra le Oceanine che accompagnavano Core quando ci fu il ratto da parte di suo zio Hades (cfr. anche Paus. 4, 30, 4);
2) altro personaggio che porta questo nome è la figlia del cretese Telestes, innamorata della giovane Ifi – che essendo nata femmina fu travestita da maschio per consiglio della dea Iside – senza sapere che in realtà si trattava di una donna; ma il giorno prima delle nozze Ifi fu tramutata in maschio, per il compassionevole intervento della dea egiziana. Questa storia non si trova prima di Ovid. Metam. 9, 666-797; cfr. però, mutatis nominibus, una vicenda quasi identica in Antonin. Lib. Metam. 17, forse da Nicandro, che parla di una Leucippe1. una delle Ninfe che accompagnavano Persefone nella "raccolta di fiori" in Sicilia durante la quale fu rapita da Ade (Hymn. Cer. 418). 2. sposa di Laomedonte troiano, madre di Priamo, secondo alcune tradizioni (Pherec. Fr. 136c** Fowler, = Tzetz. Il. 38, 11). 3.... Leggi figlia di Lampro e Galatea 1) Ninfa che per amore di Aci tradì Polifemo. Col ciclope generò Galato. 2) Statua scolpita da Pigmalione e a seguito delle sue preghiere fu da Afrodite mutata in donna vera.... Leggi, tramutata da Latona Figlia di Ceo e di Febe, fu la prima sposa di Zeus che la rese madre di Apollo e di Artemide. Era per gelosia la costringe a sgravarsi dei figli nell'isola di Delo. Per questo motivo Latòna parteggiò per i Troiani nella guerra causata... Leggi in LeucippoNome di vari personaggi, fra cui: 1. il figlio di Periere e di Gorgofone, padre delle Leucippidi (Apollod. Bibl. 1, 9, 5); 2. il figlio del re di Pisa Enomao (Pausan. 8, 20, 2); 3. il figlio di Turimaco, re di Sicione (Pausan. 2,... Leggi.

Il nome deriva dall’aggettivo ἴανθος o ἰάνθινος, “color viola, violaceo”, e si tratterebbe di un composto il cui secondo termine è semplicemente ἄνθος, “fiore”, mentre il primo elemento rimanda a ἴον, “violetta”, il quale, grazie alla glossa γία (#ία): ἄνθη e alla metrica epica, confermerebbe la sua relazione con il latino viola (vid. Chantraine, DELG, s. v. ἴον). Dovrebbe pertanto significare “dal colore viola, violacea”, con probabile riferimento al colore livido della sua pelle, espressione topica molto frequente in letteratura, nei racconti e nelle descrizioni erotiche. Il fitonimo latino, che ha generato, a partire dal suo diminutivo, il nome del fiore in un buon numero di lingue europee moderne (per esempio sp. violeta, it. violetta, fr. violette, ing. violet), dà il nome a un genere di piante erbacee della famiglia delle violacee, con un’estesa gamma di specie, delle quali la piú celebre per il suo tipico colore è la viola odorata o “violetta da giardino”.

Crediti
   •  Ἰάνθη  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Amore mentale
21% PoesieSchiele ArtVivian Lamarque
Quella sera che ho fatto l’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi mentale con te non sono stata prudente dopo un po’ mi si è gonfiata la mente sappi che due notti fa con dolorose doglie mi è nata una poesia illegittima porterà solo il mio nome ma per la tua aria straniera ti somiglia men⋯
Una donna sa lucidarsi da sola
17% Angelo De PascalisSocietà
Vedi Jack, mi guardo intorno. Osservo. Mi piace osservare le donne belle e tristi. Quelle che sembrano incazzate con il mondo. Accanto, di solito, hanno un maschio con l’aria tra il soddisfatto e il rabbioso. Come qualcuno che porta a spasso un uccellino ⋯
Lingua essenziale
16% Giovannino GuareschiLinguaggio
Il latino è una delle cose più pulite che esistano al mondo. Leggendo un testo latino non si troverà una parola non necessaria, una parola inutile. Neppure è vero che il latino non serva a nulla e sia una lingua morta. Il fatto che non lo si parli più è d⋯
Caccia spietata contro la seduzione
14% FrammentiJean Baudrillard
L’iperrealismo è una visione che conduce una caccia spietata contro la seduzione a forza di visibilità. Vi si da di più. Lo si può constatare già per il colore al cinema come alla televisione: vi si da tanto, il colore, il rilievo, il sesso ad alta fedelt⋯
La bellezza del mondo nasconde un segreto
14% Cormac McCarthyFrammenti
Con l’ultima luce del giorno, quando il mirino del fucile era ancora visibile, cinque cervi entrarono nella bajada, drizzarono le orecchie e si misero a pascolare. Il ragazzo mirò alla femmina più piccola e sparò. Il baioCompagno di Ulisse e presunto fondatore della città di Baia in Campania. Le fonti termali della città erano dedicate ad Ercole.... Leggi di Blevins, pur legato, s’impennò⋯