Re di Lidia, padre della regina Onfale (Apollod. Bibl. 2, 6, 3), in origine sembra fosse un dio fluviale. In Omero, è il
nome di due fiumi, Hom. Il. 7, 135, in Elide, presso Pherai; in Creta, presso Gortina, Od. 3, 291-292.
Stoll (in Roscher, Myth. Lex. II col. 58) pensa che si tratti di un nome semitico. Carnoy (DEMGR), invece, ritiene che la seconda parte del nome, -danos, sia una forma debole (danó-) dell’indoeuropeo *danu-, “fiume”, mentre la prima
potrebbe derivare da *isər- che si trova in molti nomi di fiumi.
Di Iardano si diceDea della Giustizia, detta anche Astrea, figlia di Zeus e Temi, fu considerata il principio fondamentale per lo sviluppo di ogni società civile. Era una delle Ore, stanca degli errori degli uomini si trasferì in cielo diventando la costellazione della Vergine.... Leggi che fosse un mago e che coi suoi malefici aveva spinto il suo nemico Camblete, a divorare la propria moglie, tanta era la fame insaziabile che gli aveva procurato.

Crediti
   •  Ἰάρδανος  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
È quel che è
17% Erich FriedPoesieSchiele Art
È assurdo dice la ragione È quel che è dice l’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi È infelicità dice il calcolo Non è altro che dolore dice la paura È vano dice il giudizio È quel che è dice l’amore È ridicolo dice l’orgoglio È avventato dice la prudenza È impossibile dice l’esperienza⋯
Elogio dell’ombra
16% Jorge Luis BorgesPoesie
Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi non potrebbe sciogliere le reti di pietra che mi circondano. Ho dimenticato gli uomini che ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi prima; continuo l’odiato camino di monotone pareti che è il mio destino. Gallerie diritte che si curvano in circoli segreti nel corso degli anni. Parapetti⋯
«Nessun nome può nominarti»
15% AforismiMax StirnerSocietà
Si dice di Dio: Ciò vale anche per me: nessun concetto mi esprime, niente di quanto viene indicato come mia essenza mi esaurisce: sono solo nomi.
Precludere il presente
14% Alain JouffroyPercorsi
Considero il mondo esterno come la chance di ogni individuo. Gli occorre però abolire prima la propria censura per inseguirla. Che cosa significa? Censurarsi, questo è impedirsi di vedere, impedirsi di aspettare, come dice Schlegel, che qualcosa di straor⋯
Intra due cibi, distanti e moventi
14% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Intra due cibi, distanti e moventi d’un modo, prima si morria di fame, che liber’omo l’un recasse ai denti.