1) Catena di montagne della Troade, in AsiaNinfa figlia di Oceano e di Teti, diede il suo nome a una delle tre parti del mondo allora conosciuto.... Leggi Minore, dove si svolsero il giudizio di Paride Secondo figlio di Priamo e di Ecuba, strumento degli dèi per la distruzione di Troia. Già prima che nascesse la madre sognò di partorire una torcia la quale avrebbe bruciato l'Asia. Esaco altro figlio di Priamo che aveva la facoltà di dare oracoli rivelò... Leggi, l’incontro tra AnchiseEroe di Troia, figlio di Capi e di Temi cugino di Priamo e padre di Enea figlio avuto da Afrodite, per essersi vantato del favore della dea fu da essa punito con la cecità. Dopo la caduta di Troia fu salvato dal figlio che... Leggi e Afrodite AfroditeDea greca dell'amore, i romani la identificarono in Venere. In occidente il culto della dea ebbe il suo maggior centro in Sicilia ad Erice dove esisteva un tempio dedicato a Tanit. Si praticavano riti di fecondità e la prostituzione sacra. Dalla Sicilia il culto... Leggi e il ratto di Ganimede GaminedeFiglio di Troo e di Calliroe. Quando Zeus rapì (per fare ciò si mutò in aquila Omero, Iliade XX, 2 32 ss.; Inno omerico ad Afrodite 202 ss.; Virgilio, Eneide V, 252 ss.; Ovidio, Metamorfosi X, 155 ss.) il bel Ganimede per farne il... Leggi da parte di Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi. Una tradizione vuole che qui si siano celebrate le nozze segrete tra Zeus ed Era.
2) Monte dell’isola di Creta dove Zeus nacque e venne cresciuto dalla capra AmalteaEra la capra che allattò Zeus, oppure il nome della ninfa figlia di Oceano che avrebbe nutrito il dio col latte di una capra generata dal dio del Sole, la quale perdette un corno, al quale Zeus concedette la proprietà di riempirsi di tutto... Leggi.
3) Eroe mitologico, originario della Messenia, cugino dei Dioscuri DioscuriDios kuroi, significa figli di Zeus. Nella mitologia greca ci sono due coppie di gemelli a portare questo nome; Anfione e Zeto, chiamati Diòscuri tebani; Castore e Polluce i Diòscuri spartani. In ogni caso i Diòscuri cantati dai poeti per l'amore fraterno e l'inseparabilità... Leggi. Con il fratello gemello Linceo1. Uno dei cinquanta figli di Egitto e marito di Ipermestra, l'unico che si salvò dalla strage compiuta dalle Danaidi (Apollod. Bibl. 2, 1, 5); 2. altro personaggio con questo nome è il figlio di Afareo e fratello di Ida, noto per la sua... Leggi prese parte all’impresa degli Argonauti Erano i cinquantadue eroi Greci partiti nel lunghissimo ed interminabile viaggio alla conquista del Vello d'oro. Capo supremo della spedizione era Giasone, seguono: Tifi, Ergino, Eufemo, Idmone, Mofo, Acaste, Anfiarao, Admeto, Anfidano, Anfione, Anceo, Argo, Asterione, Asterio, Augia, Bute, Castore, Ceneo, Cefeo, Clito, Echione,... Leggi ed alla caccia al cinghiale calidonio. Si scontrarono infine con i cugini Dioscuri: Linceo fu ucciso ed Ida. uccise CastoreUno dei due Dioscuri, fratello di Polideuce Polluce, figlio di Zeus e di Leda. Ha tale nome anche una stella di seconda grandezza, nella costellazione dei Gemelli.... Leggi prima d’esser fulminato da Zeus. Così si chiamava pure una delle nutrici di Zeus e della madre di MinosseFiglio di Zeus e di Europa. La madre dopo essere stata abbandonata da Zeus sposa Asterio re di Creta, alla morte di costui pretese la successione al trono, perciò prego Poseidone che gli mandasse egli stesso la vittima da sacrificare per la sua incoronazione,... Leggi, re di Creta.


Crediti

   • Ἴδας •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Figlio di Afareo e di Arene, fratello di Linceo e di Piso, amato da Eracle; partecipò alla spedizione degli Argonauti (Hom. Il. 9, 553-64; Apollon. Rhod. Argon. 1, 151 ss.).
Secondo Weizsäcker (in Roscher, Myth. Lex. II col. 99) e Carnoy (DEMGR) il nome deriva da ἰδεῖν, “vedere” e significa “colui che vede” (cfr. il nome del fratello Linceo). Secondo Room (Room’s Classical Dictionary, p. 169) il nome potrebbe derivare da ἰδέα, “forma, figura” oppure da ἴδη, “bosco”.


Crediti

   • Ἴδας •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
La ghiott’Europa
22% Guido CagnacciMedia
Quando Zeus vede alla giovane Europa EuropaIn Fenicia viveva una bellissima principessa, Europa, figlia di Agenore e di Telefassa. (o di Argiope, secondo Igino). La giovane donna si recava spesso con le sue coetanee, sulle rive del mare per bagnarsi o per intrecciare ghirlande di fiori. Zeus dall'alto la vide... Leggi si trasforma in toro, la fa salire sul suo dorso e se la porta lontano da Creta per possederla. Oggi il toro è il simbolo dei mercati finanziari, e il ratto d’Europa è l’efficace metafora di quanto sta accadendo. • Gui⋯
Il nulla come possibilità
20% Emanuele SeverinoFilosofia
In una delle sue forme più coerenti il nichilismo (cfr. “Essenza del nichilismo”) pensa che la totalità degli enti abbia un inizio. Avere un inizio significa, per la totalità, avere un «prima». Se non avesse un «prima», se non fosse nel tempo, sarebbe ete⋯
Lo specchio scuro
18% Schiele ArtVictor-Marie Hugo
La tenebra è uno specchio scuro nel quale il dannato vede i suoi misfatti; dappertutto si erge il suo rimorso; lungo il tetro cammino ognuno vede il suo crimine; lo stesso spettro fa dire a Nerone: “Madre mia!” E gridare a Caino: “Fratello!”
Errore originario
16% FilosofiaFriedrich Nietzsche
«La credenza nella libertà della volontà è un errore originario di ogni essere organico, antico come l’epoca da cui esistono in questo moti di logicità; la credenza in sostanze incondizionate e in cose uguali è del pari un errore originario, altrettanto a⋯
L’eterna giustizia della natura
15% Ernst CassirerPercorsi
La “natura” del fondamento originario è tale che essa si disperde in una molteplicità di configurazioni particolari dell’essere e si traduce in essa, ma non vi si distrugge: si conserva in essa come un nocciolo immutabile. Al contrario, la molteplicità, c⋯