Moglie di Telefo; combattè alla testa delle donne di Misia durante la fallita spedizione dei Greci, sbarcati per errore in Teutrania, alle foci del Caico, durante il viaggio verso Troia (Philostr. Her. 2, 18). Fu uccisa dal giovane Nireo1. Figlio di Carope e della ninfa Aglaia, regnava sull'isola di Syme in Caria, tra Rodi e Cnido (Steph. Byz. s. v.); partecipò con tre navi alla guerra di Troia in quanto pretendente di Elena (Hom. Il. 2, 671 s.), ed era giovane e... Leggi 1.
Il nome deriva da ἱερός, “sacro” e significa dunque “la sacra”, con la baritonesi tipica degli antroponimi. Stoll (in Roscher, Myth. Lex. I, col. 2655) riporta alcune ipotesi diverse sull’interpretazione di questo nome: potrebbe essere una forma abbreviata per Hierapolis o per Ἱερομνήμη; oppure potrebbe interpretarsi come “la potente” o “l’eroina”. Secondo Carnoy (DEMGR) deriverebbe da ἱερός, ma nel significato di “forte, energico”, quindi significherebbe “la forte”.

Crediti
   •  Ἱέρα  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
L’io nella teoria di Freud
19% Jacques LacanPsicologia
Una delle superstizioni più frequenti e diffuse è che ogni uomo abbia solo certe qualità definite, che ci sia l’uomo buono, cattivo, intelligente, stupido, energico, apatico, eccetera. Ma gli uomini non sono così. Possiamo dire di un uomo che è più spesso⋯
Le qualità definite dell’uomo
19% FrammentiLev Nikolàevič Tolstòj
Una delle superstizioni più frequenti e diffuse è che ogni uomo abbia solo certe qualità definite, che ci sia l’uomo buono, cattivo, intelligente, stupido, energico, apatico, eccetera. Ma gli uomini non sono così. Possiamo dire di un uomo che è più spesso⋯
Gli uomini sono come i fiumi
18% FrammentiLev Nikolàevič Tolstòj
Una delle credenze più frequenti e diffuse è che ogni uomo abbia solo certe qualità definite, che ci sia l’uomo buono, cattivo, intelligente, stupido, energico, apatico eccetera; ma gli uomini non sono così. Possiamo dire di un uomo che è più spesso buono⋯
Che cos’è in sostanza la Morale?
16% FilosofiaFriedrich Nietzsche
È essenzialmente un dispositivo di difesa e (sopratutto) di offesa. È un meccanismo con cui si è cercato (con successo) di facilitare il dominio dell’uomo sull’uomo: nelle due varianti dell’annichilamento del ‘debole’ da parte del ‘forte’ e dell’indebolim⋯
Gli Edipi sofoclei
15% Eva CantarellaSocietà
Per capirne la ragione bisogna pensare al momento in cui andarono in scena: un momento in cui era ancora forte lo scontro tra la nuova civiltà giuridica, per la quale si rispondeva solo degli atti compiuti volontariamente, e l’antica cultura della vendett⋯