1. Eroe tessalo figlio di Filaco, padre di Podarce 2. e di Protesilao (Apollod. Bibl. 1, 9, 12), collegato ai racconti che riguardano l’indovino Melampo, che lo guarí dall’impotenza. 2. Figlio di Testio, partecipò alla caccia al cinghiale Caledonio (Apollod. 1,8, 3; 1, 9 16) e alla spedizione degli Argonauti (Apollon. Rhod. 1, 201).
Per l’etimologia, cfr. IficleFiglio di Anfitrione ed Alcmena; accompagnò il fratellastro Eracle durante alcune delle sue fatiche (Apollod. Bibl. 2, 4, 8 ss.; 7, 3). Si tratta di un composto dello strumentale ἶφι (cfr. Ifianassa) e di κλέος, "fama, gloria" e significa dunque "celebre per la sua... Leggi.

Crediti
   •  Ἴφικλος  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Nomade in fuga
16% Félix GuattariGilles DeleuzeLettere
Kafka anche in punto di morte è traversato da un flusso di vita invincibile, che gli viene dalle lettere, dai racconti, dai romanzi, e dalla loro incompiutezza reciproca per ragioni differenti, ma comunicanti, intercambiabili. Condizioni di una letteratur⋯
Accettarsi come si è
15% Albert CamusSocietà
Vivere nella verità e per la verità. La verità di ciò che si è, prima di tutto. Rinunciare a venire a patti con gli altri. La verità di ciò che è. Non giocare d’astuzia con la realtà. Accettare insomma la propria originalità e la propria impotenza. Vivere⋯
La nostra identità
14% Oliver SacksSchiele Art
Ognuno di noi ha una storia del proprio vissuto, un racconto interiore, la cui continuità, il cui senso è la nostra vita. Si potrebbe dire che ognuno di noi costruisce e vive un “racconto”, e che questo racconto è noi stessi, la nostra identità. Se voglia⋯
Perdita irreparabile nelle alterazioni semantiche
14% Julio CortázarLinguaggio
Il racconto non ha intenzioni essenziali, non indaga né trasmette una conoscenza o un «messaggio»… Ogni volta che mi è toccato rivedere la traduzione di uno dei miei racconti ho sentito fino a che punto l’efficacia e il senso del racconto dipendessero da ⋯
Sensazione di impotenza
13% Schiele ArtVirginia Woolf
Perché mai è così tragica la vita; così simile a una striscia di marciapiede che costeggia un abisso. Guardo giù; ho le vertigini; mi chiedo come farò ad arrivare alla fine. È una sensazione di impotenza; di non fare nessun effetto. • Virginia Woolf • • d⋯