Ninfa di Rodi, a cui Zeus si uní sotto forma di pioggia fecondante (Diod. Sic. 5, 55), generando tre figli.
Il nome potrebbe significare “mugnaia” o “ricca di farina”, derivando da ἱμαλιά, “abbondanzaDivinità allegorica che avrebbe accompagnato nell'esilio Crono, quando Zeus gli tolse il regno e lo bandì dall'Olimpo. Essa non ebbe mai né templi né altari né culto. Negli antichi monumenti, essa è raffigurata da una giovane ninfa piuttosto pingue, il volto acceso di vivi... Leggi di farina”.

Crediti
   •  Ἱμαλία  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
La chioma di Elena
15% Derek WalcottPoesie
Alla fine di questa frase, comincerà la pioggia. All’orlo della pioggia, una vela. Lenta la vela perderà di vista le isole; in una foschia se ne andrà la fede nei porti di un’intera razza. La guerra dei dieci anni è finita. La chioma di Elena Simbolo della bellezza femminile, generatrice involontaria di odio e distruzione. Nata dall'uovo di Leda assieme a Castore e Polluce e Clitennestra. Ancora undicenne viene rapita da Teseo, non avendo l'età per amare, Teseo la nasconde in un luogo sicuro in attesa che la ragazza... Leggi, una nuvola ⋯
Non so perché
15% PoesieSohrab Sepehri
Non so perché la gente diceDea della Giustizia, detta anche Astrea, figlia di Zeus e Temi, fu considerata il principio fondamentale per lo sviluppo di ogni società civile. Era una delle Ore, stanca degli errori degli uomini si trasferì in cielo diventando la costellazione della Vergine.... Leggi che i cavalli sono gentili E i colombi sono belli E nessuno invece alleva avvoltoi. Non so perché un bocciolo di trifoglio È considerato più umile di un tulipano rosso. Dobbiamo lavare i nostri occhi Dobbiamo vedere diversament⋯
Ti succhio dallo spazio
15% Rainer Maria RilkeSchiele Art
Nella notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi fonda ti scavo, tesoro Perché ogni abbondanza che vidi è miseria e povero surrogato della tua bellezza ancora segreta. Ma la via che conduce a te è terribilmente lunga e poiché da tempo nessuno la percorre, si cancella. Tu sei solo. Tu sei la ⋯
Figli della brama
12% Khalil GibranSchiele Art
I vostri figli non sono i vostri figli. Sono i figli e le figlie della brama che la Vita ha di sé. Essi non provengono da voi, ma per tramite vostro, e benché stiano con voi non vi appartengono.
Il lungo inverno
12% Alfonso GattoPoesie
I bambini che pensano negli occhi hanno l’inverno, il lungo inverno. Soli s’appoggiano ai ginocchi per vedere dentro lo sguardo illuminarsi il sole. Di là da sé, nel cielo, le bambine ai fili luminosi della pioggia si toccano i capelli, vanno sole ridendo⋯