Popolo favoloso che si riteneva vivesse in uno stato di perfetta felicità in una terra sconosciuta dove il sole non tramontava mai. Secondo altre tradizioni, nel loro paese sarebbe stato collocato il Giardino delle Esperidi che custodiva i pomi d’oro.


Crediti

   • Ὑπερβόρεοι •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Popolo mitico situato all’estremo nord (Pausan. 1, 4, 4; 18, 5; 31, 2).
Secondo un’ipotesi già antica (Herodot. 4, 36) e seguita anche da Grimal (DMGR) questo nome deriva da βορέας, “vento del nord” e ὑπέρ, “al di là” e significa “al di là del vento del nord”, “che abitano nell’estremo settentrione”; Carnoy (DEMGR), invece, interpreta βορέας come “il vento delle montagne” e il nome come designante popolazioni abitanti dietro alle montagne in generale. Altra ipotesi è che si tratti di un nome macedonico corrispondente ai Περφερέες, e che significhi “coloro che conducono (le anime) nell’aldilà”: si tratterebbe allora di un gruppo religioso di tendenza orfica, inglobante Greci, Macedoni e Traco-frigi (Ahrens, “Rh. Mus”. 17, 1862, pp. 340-41; Van Windekens, “Rh. Mus”. 100, 1957, p. 168).


Crediti

   • Ὑπερβόρεοι •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Vendetta, che inutile cosa
18% Dino BuzzatiSchiele Art
Guardava dinnanzi a sé i parchi, i campi, i boschi, le montagne, le misteriose montagne. Vendetta, che inutile cosa.
Riprodurre la vita
18% Béla TarrSocietà
Vi è un’insistenza patologica nel riprodurre costantemente le stesse azioni nell’attesa che qualcosa di nuovo accada. È una tendenza tipica dell’essere umano. Quello che ho fatto nel mio film è stato riprodurre la vita.
L’aristocraticismo
17% IdeePierre Klossowski
L’«aristocraticismo», secondo Nietzsche, deve essere rappresentato almeno da un gruppo, da un caso particolare, non in quanto frazione dell’umanità, ma come suo sovrappiù (dunque, per la totalità, odiosa sanguisuga da sterminare, da fucilare), e questo gr⋯
Nuove scalate celesti
16% Max StirnerPolitica
All’inizio dell’età moderna sta l’«uomo-dio». Alla sua fine scomparirà soltanto una parte dell’uomo-dio, e cioè il dio? Ma può veramente morire l’uomo-dio se in lui muore soltanto il dio? Non si è riflettuto su questo problema, poiché si pensava di aver g⋯
Due estranei uniti
16% Daniel GlattauerSchiele Art
Un giorno ci incroceremo in un caffè o in metropolitana. Cercheremo di non riconoscerci o di fingere di non vederci, ci gireremo svelti dall’altra parte. Saremo imbarazzati per ciò che è diventato il nostro “noi”, per quello che ne è rimasto. Niente. Due ⋯