Nome di diverse eroine, fra cui 1. la figlia di Enomao, re di Pisa in Elide (Pherec. Fr. 37 Fowler; Apollod. Bibl. 3, 10, 1; Epit. 2, 3 s.), che Pelope conquistò vincendo il padre di lei in una corsa di carri; 2. la sposa di Piritoo, al suo matrimonio si scatenò la Centauromachia, perché alcuni Centauri ubriachi volevano violentarla; Apollod. Ep. 1, 21; 3. la figlia di Brise (BriseoFiglio di Ardys, padre di Briseide, citato solo come tale nell'Iliade (Hom. Il. 1, 392; 9, 132 e 274); secondo altre fonti sarebbe stato re e forse sacerdote di Lirnesso, città della Misia, oppure di Pèdasos (in antico detta Moneía) sul fiume Satnioenta, e... Leggi), conosciuta anche con il patronimico Briseide, preda di guerra e amante di Achille, è causa della sua ira quando Agamennone la pretende in cambio di Criseide (Hom. Il. passim); 4. la bella figlia maggiore di AnchiseEroe di Troia, figlio di Capi e di Temi cugino di Priamo e padre di Enea figlio avuto da Afrodite, per essersi vantato del favore della dea fu da essa punito con la cecità. Dopo la caduta di Troia fu salvato dal figlio che... Leggi, moglie di AlcatooFiglio di Pelope, accusato di essere stato complice all'uccisione del fratello Crisippo, si rifugiò a Megara dove uccise il figlio di re Eusippo, ne sposò la moglie ed usurpò il trono. Altro Alcatoo era un troiano che sposò Ippodamia (figlia di Priamo), fu ucciso... Leggi; Hom. Il. 13, 229-233; 5. in Quint. Smyrn. Posthom. 1, è una figlia di Antimaco, sposa di TisifonoCompare in Quint. Smyrn., Posthom. 1, 405-406, come marito di Ippodamia 5.; viene ucciso con Polite e Pammone da Neottolemo, Posthom. 13, 215, forse si tratta di una varia lect. per Anti-fono. Personaggio che sembra inventato (fraintendimento?) e inserito tra i figli di Ecuba... Leggi, che esorta le donne TroianeTragedia di Euripide che rappresenta una ferma e dura condanna della guerra attraverso la narrazione delle sofferenze patite dalle nobili troiane dopo l'assedio della città.... Leggi a combattere contro gli AcheiStirpe primitiva e leggendaria della Grecia antica, celebrata da Omero. Sarebbero giunti nella penisola ellenica intorno al 1700 a.C., stabilendosi nel Peloponneso, a Creta e sulla coste dell'Asia Minore, e partecipando alla fioritura della civiltà micenea. Parteciparono insieme ai Popoli del Mare (Pelasgi) ad... Leggi, imitando l’Amazzone Pentesilea Figlia di Ares e di Otrèra, fu regina delle Amazzoni. Nella guerra di Troia parteggiò per i Troiani e fu uccisa da Achille che si innamorò del suo corpo senza vita.... Leggi.
Si tratta di un composto a valore attivo di ἵππος, “cavallo” e del verbo δάμνημι, “domare” e significa dunque “colei che doma i cavalli” (o forse “figlia del domatore di cavalli”).

Crediti
   •  Ἱπποδάμεια  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Reggere le redini delle pasioni
18% FilosofiaPlatone
L’anima è paragonata a un cocchio trainato da due cavalli alati. Il primo, nero, rappresenta la cosiddetta ‘anima concupiscente’, ovverosia le passioni fisiche che ci tengono legati al corpo. Questo cavallo spinge verso il basso, e alla morte del corpo ci⋯
L’asino in pena
18% Edmond JabèsPoesieSchiele Art
Un asino era davvero in pena a raccontare la sua vita d’asino al bel cavallo bianco che lo sdegnava. «Esprimiti come un cavallo», gli diceva il cavallo. E l’asino gli rispondeva: «Non posso che esprimermi come un asino: lo sono. » Ma irritato il cavallo g⋯
La cosa più bella
16% PoesieSaffo di EresoSchiele Art
Alcuni dicono che la cosa più bella sulla nera terra Sia un esercito di cavalieri, altri di fanti, altri di navi, io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi invece quello di cui uno è innamorato. È semplicissimo rendere comprensibile ciò a ognuno: infatti colei che superò di molto gli uomini in⋯
Termine d’etterno consiglio
14% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Vergine Madre, figlia del tuo figlio, umile e alta più che creatura, termine fisso d’etterno consiglio, tu se’ colei che l’umana natura nobilitasti sì, che ‘l suo fattore non disdegnò di farsi sua fattura.
La prima di color di cui novelle
14% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
La prima di color di cui novelle tu vuo’ saper» mi disse quelli allotta, fu imperadrice di molte favelle. A vizio di lussuria fu sì rotta, che lìbito fé licito in sua legge per tòrre il biasimo in che era condotta. Ell’è Semiramis, di cui si legge che suc⋯