Figlia di Pan Dio dei pastori e dei greggi. Di Pan ne esistevano diversi, infatti ogni generazione di dèi aveva il suo Pan. I Greci per distinguerli li chiamarono in modo diverso in base al loro padre, Ermopan da Ermes, Diopan da Zeus, Titanopan dai Titani. Il... Leggi e di Eco EcoNinfa dei boschi e delle sorgenti. Con Pan generò Lince. Dotata di grande parlantina Zeus, si serviva di lei per trattenere la gelosa Era, ogni volta che s'incapricciava di qualche donna. Era apprezzava molto la ninfa, finché accortasi della presa in giro, la punì... Leggi. Era la mutò in uccello per avere fatto su Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi l’incantesimo che l’aveva fatto innamorare di Io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi.


Crediti

Similari
L’uccello di Zeus
37% Pindaro di ArgoPoesieSchiele Art
Poeta è colui che molte cose sa per natura; quelli che sanno per studio, con procace loquacità come corvi levano voce inane contro il divino uccello di Zeus
L’incantesimo che combatte
34% FilosofiaFriedrich NietzscheSchiele Art
L’incantesimo che combatte per noi, l’occhio di Venere che irretisce e acceca i nostri avversari, è la magia dell’estremo, la seduzione che viene esercitata da ogni cosa estrema.
L’incantesimo
33% FrammentiGabriel García Márquez
A lui sembrava così bella, così seducente, così diversa dalla gente comune, che non riusciva a capire perché nessuno era come disturbato dal ticchettio dei suoi tacchi sul selciato, perché nessun altro cuore era selvaggio come la brezza agitato dai sospir⋯
La parola giusta
29% Franz KafkaSchiele Art
Si può ritenere che la meraviglia della vita sia sempre a disposizione di ognuno in tutta la sua pienezza, anche se essa rimane nascosta, profonda, invisibile, decisamente lontana. Tuttavia c’è, e non è né ostile e né ribelle. Se la si chiama con la parol⋯
Le mie penne nere
28% Franz KafkaPercorsi
Io sono un uccello insopportabile», disse Franz Kafka, «sono una gazza, una kavka Le mie ali sono atrofizzate. Così per me non esistono altezza e distanza. Vado saltellando con la mia aria confusa in mezzo agli uomini, che mi guardano pieni di sfiducia, p⋯