Personaggio che a Delfi ricevette dalla Pizia l’ordine di camminare verso Oriente e fondare una città, mentre suo fratello Antifemo dovette andare verso occidente e fondare Gela in Sicilia; Lacio fondò Faselide, fra Licia e Panfilia (Athen. 7, 297 ss.; Steph. Byz. Ethn. 201).
Secondo Stoll (in Roscher, Myth. Lex. II, col. 1813) questo nome è la forma cretese per Racio (Ῥάκιος) e significa dunque “il cencioso” (da ῥάκος, “brandello”). Esiste in greco anche λακίς, col medesimo significato di “brandello”.

Crediti
   •  Λάκιος  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Il nulla è
18% FilosofiaGòrgia di Leontini
In primo luogo nulla è, in secondo luogo se anche qualcosa fosse non sarebbe comprensibile per l’uomo, in terzo luogo se anche fosse comprensibile non sarebbe comunicabile e spiegabile agli altri. Che nulla è lo dimostro in questo modo: se infatti qualcos⋯
Foglie senza linfa
16% Gustave ThibonSchiele Art
L’individualismo – l’abbiamo visto anche troppo – è soltanto un rifugio provvisorio; noi non siamo soli; non possiamo astrarci gli uni dagli altri, e, ben prima della suprema uguaglianza della morte, ci trasporta il medesimo destino. Dipende da noi soli i⋯
Il fluire caotico del mondo
16% Eraclito di EfesoFilosofia
Eraclito ci riporta dalla purezza pitagorica nel fluire caotico del mondo. Esiste una sola sapienza: riconoscere l’Intelligenza che governa tutte le cose attraverso tutte le cose governa tutte le cose attraverso tutte le cose. Quest’ordine, che è identico⋯
Movimento e forma
16% FilosofiaRoland Barthes
Non siamo abbastanza sottili per scorgere lo scorrimento probabilmente assoluto del divenire; il permanente non esiste se non grazie GrazieLe Grazie (in latino Gratiae) erano figure della mitologia romana che corrispondevano alle Cariti greche legate al culto della natura e della vegetazione; queste fanciulle sanno infondere la gioia della Natura nel cuore degli dèi e dei mortali. Rappresentate come tre giovani nude, le... Leggi ai nostri organi grossolani che riassumono e riconducono le cose a piani comuni, laddove niente esiste in questa forma. L’⋯
Si dipinge dipingendo dèi
15% FrammentiGiovanni Romano Bacchin
Antropomorfico – avente cioè forma e sembianza umana – è dunque oltre le parole anche quel “conoscere” (o quell’aspetto del conoscere) in cui l’uomo esprime se stesso, o si proietta, o, per dire con l’antichissimo Senofane, vi si dipinge dipingendo dei ch⋯