1. Figlia di Bellerofonte BellerofonteNome che significa uccisore di Bellero. Non si conoscono con precisione i suoi genitori, giacché si favoleggia fosse figlio di Glauco re di Corinto. Ma Glauco era anche un epiteto di Poseidone, dunque potrebbe essere figlio del dio marino. La madre si chiamava Eurimeda... Leggi e di Achemone, amata da Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi generò Sarpendonte. Per il suo orgoglio fu da ArtemideDea romana delle selve, protettrice degli animali selvatici, custode delle fonti e della caccia per i greci si chiamava Anrtemide ed era la sorella gemella di Apollo. Aveva molte cose in comune col fratello: le morti improvvise degli uomini erano attribuite ad Apollo, quelle... Leggi uccisa con una delle sue frecce.
2. Altra Laodamia era la moglie di Protesilào che fu il primo dei greci a cadere sotto le mura di Troia Città della Troade, chiamata propriamente Ilio dai Greci, teatro della decennale guerra. Secondo la leggenda sarebbe stata fondata da Troe, nipote di Dardano e padre di Ilo. Le sue mura sarebbero state costruite da Apollo e da Poseidone come espiazione per il tentativo di... Leggi. Quando la donna seppe della morte del marito scongiurò gli dèi perché gli restituissero in vita il marito.


Crediti

   • Λαοδάμεια •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
 ⋯
Gli dèi ne ebbero pietà e gli resero il marito per solo tre oreFiglie di Zeus e di Temi, in origine divinità della natura e dell'ordine, delle stagioni e delle piogge, più tardi connesse anche al concetto della Giustizia. Furono talvolta identificate con le Cariti (le Grazie) e chiamate Auxo e Carpo, nomi alludenti alla semina, alla... Leggi, Laodamia ne fu felice: ma quando ProtesilaoEroe tessalo, figlio di Ificlo e di Astioche, nipote di Filaco, fratello di Podarce 2.; partecipò alla guerra di Troia dove morí, lasciando la giovane e fresca sposa Laodamia in lutto. È chiamato Ἀκτορίδες "discendente di Attore" (Hes. Fr. 199, 6 M.-W.) e "bellicoso",... Leggi dovette tornare nell’Ade Col significato di invisibile i Greci chiamavano la divinità che regnava sull'oltretomba e l'oltretomba stesso. Il dio Ade era anche chiamato Plutone nome più usato. Grandi sono le porte dell'Ade (solo per entrare, impossibile l'uscita) e alla sua guardia sta Cerbero. Nell'Ade scorrono quattro... Leggi, l’infelice donna si uccise.
La tredicesima lettera delle Eroidi di Ovidio così conclude.


Crediti

   • Λαοδάμεια •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Similari
Lettera sulla Felicità
22% EpicuroPsicologia
Niente c’è infatti di temibile nella vita per chi è veramente convinto che niente di temibile c’è nel non vivere più. Perciò stolto è chi diceDea della Giustizia, detta anche Astrea, figlia di Zeus e Temi, fu considerata il principio fondamentale per lo sviluppo di ogni società civile. Era una delle Ore, stanca degli errori degli uomini si trasferì in cielo diventando la costellazione della Vergine.... Leggi di temere la morte non perché quando c’è sia dolorosa ma perché addolora l’attenderla; ciò che, infatti, present⋯
Inutile pietà
22% AforismiAlbert CamusSchiele Art
Rieux capì che non aveva più da difendersi contro la pietà. Ci si stanca della pietà, quando la pietà è inutile. • Albert Camus • • La peste • • Egon Schiele • Self-Porttrait with Striped Armlets, 1915 •
Vita, morte
22% Carlo MichelstaedterPoesieSchiele Art
Vita, morte, la vita nella morte; morte, vita, la morte nella vita. Noi col filo col filo della vita nostra sorte filammo a questa morte. E più forte è il sogno della vita – se la morte a vivere ci aita ma la vita la vita non è vita se la morte la morte è⋯
Si deve giustizia all’animale
21% Arthur SchopenhauerSchiele Art
Cosa dice quel passo ? «Il giusto ha pietà del proprio bestiame». – «Ha pietà»! – Che razza di espressione! Si ha pietà di un peccatore, di un malfattore, ma non di un innocente animale… «Aver pietà»! Non già pietà, ma giustizia si deve all’animale.
Ascoltare le vite è vera pietà
21% Guido CeronettiPsicologia
Il culto, la religione, l’idolatria della vita-per-la-vita in astratto può significare oblio e disprezzo completi, addirittura feroci, per le vite in concreto, la tua, la mia, le nostre una per una. La vita ad ogni costo non ascolta gli urli di là dal mur⋯