Pastore dell’Epiro che ricevette da Eracle alcuni buoi (Athen. 9, 376 b – c).
Secondo Stoll (in Roscher, Myth. Lex. II, col. 1898) questo nome deriverebbe da λαρός, “grasso” (non esiste però λαρός con tale significato, sino λαρινός) y λαρινεύειν = σιτεύειν, cioè “nutrire, ingrassare”, cosicché il suo significato sarebbe analogo a μέγας, λιπαρός, εὐτραφής, nel senso di “grande e grosso” (Photh. Lex. s. v. λαρινοὶ βόες, 208).



Crediti

   •  Λαρῖνος •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Il nulla è
17% FilosofiaGòrgia di Leontini
In primo luogo nulla è, in secondo luogo se anche qualcosa fosse non sarebbe comprensibile per l’uomo, in terzo luogo se anche fosse comprensibile non sarebbe comunicabile e spiegabile agli altri. Che nulla è lo dimostro in questo modo: se infatti qualcos⋯
Coscienza della propria finitezza
15% Alfred Jules AyerFilosofia
A molti risulta insopportabile l’idea che ciò che esiste e accade – inclusi noi stessi – sia del tutto contingente, con la conseguenza che il valore e il senso della vita dipendono interamente da noi. E per questo trovano consolatoria l’illusione fornita ⋯
Senso della possibilità
15% LibriRobert Musil
Chi voglia varcare senza inconvenienti una porta aperta deve tener presente il fatto che gli stipiti sono duri: questa massima alla quale il vecchio professore si era sempre attenuto è semplicemente un postulato del senso della realtà. Ma se il senso dell⋯
L’arbitrio nel divenire cosmico
15% AstrofisicaKonrad Lorenz
A molti sembra inconcepibile che nell’universo vi siano processi non orientati verso un determinato fine. Poiché valutiamo negativamente le nostre stesse azioni prive di senso, ci disturba anche l’idea di un divenire che si sottragga ad ogni significato. ⋯
Come si misura il tempo soggettivo?
15% Paolo MulèPsicologia
Come lo si pesa, come lo si pensa, se esso sfugge come tale a una presa di coscienza che possa dirsi certa e definitiva? In senso analogo, cosa si può dire di sensato riguardo alla morte, riguardo alla propria morte? Cos’è, se esiste, “la propria morte”? ⋯