Madre dei Dioscuri DioscuriDios kuroi, significa figli di Zeus. Nella mitologia greca ci sono due coppie di gemelli a portare questo nome; Anfione e Zeto, chiamati Diòscuri tebani; Castore e Polluce i Diòscuri spartani. In ogni caso i Diòscuri cantati dai poeti per l'amore fraterno e l'inseparabilità... Leggi Castore e Polluce I due Dioscuri, figli di Zeus e di Leda e fratelli della bellissima Elena.... Leggi, di Clitennestra e di Elena Simbolo della bellezza femminile, generatrice involontaria di odio e distruzione. Nata dall'uovo di Leda assieme a Castore e Polluce e Clitennestra. Ancora undicenne viene rapita da Teseo, non avendo l'età per amare, Teseo la nasconde in un luogo sicuro in attesa che la ragazza... Leggi. Figli che concepì quando Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi la fece sua sotto le spoglie di CignoSecondo i Catasterismi (Ps. Eratostene), è l'animale in cui si mutò Zeus per accoppiarsi con Nemesi, a sua volta mutata in oca o cigno femmina (un po' diversa la versione di Hygin. Astron. 2, 8). Nemesi avrebbe partorito l'uovo che fu poi consegnato a... Leggi.


Crediti

   • Λήδα •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
 ⋯ Figlia di Tèstio, re d’Etolia e moglie di Tindaro o Tindarèo, re di SpartaFiglia di Eurota e di Cleta, eponima della città capitale della Laconia (Pausan. 3, 1, 2). Frisk (Gr. Et. Wört.) e Chantraine (DELG), ritenendo l'etimologia del toponimo oscura, riportano alcune ipotesi, come il confronto col verbo greco σπείρω, "seminare" e col nome di pianta... Leggi. Fu la madre dei Dioscuri CastoreUno dei due Dioscuri, fratello di Polideuce Polluce, figlio di Zeus e di Leda. Ha tale nome anche una stella di seconda grandezza, nella costellazione dei Gemelli.... Leggi e PolluceCon Castore, è uno dei gemelli Dioscuri, figli di Zeus e di Leda, fratelli entrambi di Elena e Clitemnestra; Hom. Il. 3, 236-244; secondo la leggenda, i quattro gemelli sarebbero nati dallo stesso uovo. Interpretato sulla base di una glossa di Hesych. δεύκει· φροντίζει,... Leggi, di Clitennestra e di Elena.
Figli che concepì quando Zeus sulle rive del fiume EurotaIl mitico inventore del molino ad acqua, nonno di Giacinto e di Euridice.... Leggi si unì a lei sotto le sembianze di un cigno, Leda, che a sua volta fu trasformata in oca, depose due uova; da un uovo nacquero Polluce ed Elena, figli immortali di Zeus, e dall’altro Castore e Clitennestra, figli mortali di Tindaro.
Secondo una versione più antica, Zeus, sempre nelle vesti di cigno si sarebbe unito a Nemesi Dea della giustizia e della vendetta, perseguitava i malvagi e coloro i quali non facevano buon uso dei doni avuti dalla sorte. Essa tormentava senza tregua chiunque infrangeva le regole.... Leggi, affidando invece a Leda l’educazione dei figli.


Crediti

   • Λήδα •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Figlia del re d’Etolia Testio e di Euritemide, moglie di Tindareo; in una stessa notte si unirono a lei il marito e Zeus in forma di cigno: ebbe Polluce ed Elena dal dio, Castore e Clitemnestra da Tindareo (Apollod. Bibl. 1, 7, 10; 3, 10, 5 ss.).
Secondo la maggior parte degli studiosi (Chantraine, DELG; von Kamptz, Homerische Personennamen, p. 49 e Room, Room’s Classical Dictionary, p. 184) questo nome è probabilmente un prestito dal licio lada, “donna, sposa”. Carnoy (DEMGR), invece, ritiene che tale nome sia imparentato con λήθηUno dei fiumi dell'Ade. I morti, tuffandosi nelle sue acque, perdevano totalmente la memoria della vita terrena.... Leggi, “oblio” e che si tratti di una parola pelasgica, in cui si sarebbe avuto il passaggio τη < δ; a sostegno di ciò afferma che i Dioscuri nella tradizione indoeuropea sono figli del Giorno e della NotteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi, quindi Leda sarebbe la Notte.


Crediti

   • Λήδα •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Possesso
18% Juán Sánchez PeláezLibriPoesie
Gli iceberg ingoiano i gabbiani delle mie carezze. Il mondo duole ingiusto e solenne nelle mie radici. Accetto le tue mani, la tua felicità, il mio delirio. Se torni, se sogniSono i figli di Sonno, essi sono: Morfèo, Fobètore e Fantàso.... Leggi, la tua immagine nella notte saprà riconoscermi. Ti avvio verso il fondo campan⋯
Quando il sacro è reale
16% AforismiEduardo Galeano
Le storie si raccontano di notte, perché di notte il sacro è reale, e chi sa raccontare racconta sapendo che il nome è quella cosa che il nome nomina.
Le storie si raccontano di notte
16% AforismiEduardo GaleanoSchiele Art
Le storie si raccontano di notte, perché di notte il sacro è reale, e chi sa raccontare racconta sapendo che il nome è quella cosa che il nome nomina. • Eduardo Galeano • • • • • Egon Schiele • •
Tutto, era Tutto
15% David Foster WallaceSchiele Art
– Sembra che ci sia ancora un’eternità prima del treno delle tre e quarantacinque, no? – ella insistette. – Vorrei che non avessimo da tornare a casa mai più. Elena sospirò. – Sarebbe pretendere troppo dalla vita. Qualche cosa noi lo abbiamo avuto, Sigmun⋯
La cosa più bella
15% PoesieSaffo di EresoSchiele Art
Alcuni dicono che la cosa più bella sulla nera terra Sia un esercito di cavalieri, altri di fanti, altri di navi, io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi invece quello di cui uno è innamorato. È semplicissimo rendere comprensibile ciò a ognuno: infatti colei che superò di molto gli uomini in⋯