Ppopolo mitico di gigantiFigli di Gea, fecondata dal sangue di Urano, che era stato evirato da Crono, spesso confusi o identificati coi Titani. Esseri di straordinaria statura e di forza sovrumana, nemici degli dei, tentarono di dar la scalata all'Olimpo, ma furono colpiti insieme dai fulmini di... Leggi antropofagi governato dal re LamoRe dei Lestrigoni (Hom. Od. 10, 81) e anche nome di un figlio di Eracle e di Onfale, eponimo della città greca di Lamia (Ovid. Heroid. 9, 54). Secondo Chantraine (DELG, s. v. λαμυρός) questo nome deriva dalla radice di λαμυρός, "goloso, avido" (cfr.... Leggi, la cui sede sarebbe stata nel lontano Occidente, secondo Omero, in Sicilia secondo gli autori greci postomerici. Ulisse Il vero nome di questo eroe era Odisseo, nome dal significato formidabile datogli dal nonno. Ulisse che significa Lo zoppo in riferimento alla ferita riportata alla coscia in una battuta di caccia, fu l'epiteto che i romani preferirono usare per questo personaggio. Figlio di... Leggi capitò tra loro e si salvò a stento dalla loro ferocia.


Crediti

   • Λαιστρυγόνες •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
 ⋯ Popolo mitico di giganti antropofagi governati dal re AntifateRe del favoloso popolo di nomadi e selvaggi dei Lestrigoni che distrussero la flotta di Ulisse.... Leggi.
Gli antichi indicavano la sede di questo selvaggio popolo in Sicilia e in particolare la zona vicino a Leontini (l’attuale Lentini) dove esisteva una «pianura lestrigonia».
Ulisse vi approdò dopo che i suoi uomini di nascosto aprirono gli otri del vento. L’astuto Ulisse ormeggiò la sua nave lontano dal porto quindi, per sapere qualcosa sugli abitanti di quel luogo, mandò avanti degli esploratori.
Questi incontrarono la figlia del re che li condusse da suo padre. Subito Antifate prese uno dei Greci e lo mangiò; gli altri tentarono di fuggire ma il re li inseguì e i suoi Lestrigoni affondarono le navi lanciandovi dei massi enormi, e pescando i Greci come dei pesci li mangiarono.
Si salvò solo Ulisse e l’equipaggio della sua nave che era stata prudentemente ormeggiata lontana.


Crediti

   • Λαιστρυγόνες •
 • Miti 3000 •
 • Mitologia e dintorni •
Giganti antropofagi che divoravano gli stranieri (Hom. Od. 10, 81-132).
Sull’etimologia di questo nome regna la piú grande incertezza. Jessen (in Roscher, Myth. Lex. II, col. 1811) riporta diverse ipotesi per la sua interpretazione: 1) potrebbe derivare da λίαν στύγειν, “odiare eccessivamente”; 2) significherebbe “coloro che distruggono con forza”, da λα, λαι- τρύχειν, τρύγειν, ipotesi già presente in Omero (Od. 10, 82 e 86); 3) significherebbe “coloro che mormorano con forza”, da λα-τρύζειν; 4) corrisponderebbe a λειστηρόγονοι, col significato di “figli di ladro” (λῃστής, “brigante, ladro”). Secondo Carnoy (DEMGR), invece, sarebbe un composto di λᾶςEroe della penisola del Taigeto, nel Peloponneso; fu ucciso da Achille quando chiese a Tindareo la mano di Elena (Pausan. 3, 24, 10). Questo nome significa "pietra", ed è di difficile interpretazione. Brugmann ("Indog. Forsch". 11, 1900, pp. 100 ss.) ipotizzava un *λῆ#ας con... Leggi, “pietra” e del verbo στρεύγω, “fare del male” e significherebbe allora “coloro che fanno del male con le pietre”.