1. Nome del pirata che assalí Dioniso (Ovid. Metam. 3, 624 e 673; Hygin. Fab. 134), 2. e di un centauro (Ovid. Metam. 12, 302).
Si tratta di un nome di difficile interpretazione, che può significare “anno” o anche “mese”; l’etimologia, secondo Chantraine (DELG, s. v. λυκάβας), è piuttosto oscura. La prima parte potrebbe ricollegarsi a λυκ-, “luce”, ma l’esistenza di ἄβα non è confermabile. Maass (“Indog. Forsch.” 43, 1926, pp. 259 ss.) lo traduce come “momento in cui corre il lupo”, quindi “inverno”, considerandolo dunque un composto di λύκος, “lupo” e del verbo βαίνω, “andare”. Koller (“Glotta” 51, 1973, pp. 29-33) lo interpreta come *λύκα (λύκη) βάντα, “il giorno andato”, quindi sarebbe la notte scura per la luna nuova. Secondo Carnoy (DEMGR), invece, tale nome sembrerebbe essere un equivalente di λυκό-φως, “crepuscolo, luna nuova”; altra ipotesi che fa è che il primo termine del composto sia λύκος, “lupo”. Grimm e Abbenes (in Snell, Lex. fr. Ep., col. 1718) ritengono che si tratti di un nome probabilmente pregreco.

Crediti
   •  Λυκάβας  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Portale lunare
18% HaikuJorge Luis BorgesSchiele Art
La luna nuova Lei pure la guarda da un’altra porta.
Liti in famiglia
17% HaikuJack KerouacSchiele Art
NotteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi perfetta di luna rovinata da liti in famiglia.
Oh vana gloria de l’umane posse!
16% Home
Oh vana gloria de l’umane posse! com’ poco verde in su la cima dura, se non è giunta da l’etati grosse! Credette Cimabue ne la pittura tener lo campo, e ora ha Giotto il grido, sì che la fama di colui è scura. Così ha tolto l’uno a l’altro Guido la gloria⋯
Notte nel deserto
16% Antonio TabucchiSocietà
Sai, nel deserto, di notte, se c’è la luna, la sabbia scintilla come il mare e pare d’argento. E pensai a casa nostra, e a te, mentre suonavo. E per la prima volta da quando ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi sparito smisi di pensare quel pensiero ossessivo, quella frase che mi aveva f⋯
Quando il sacro è reale
16% AforismiEduardo Galeano
Le storie si raccontano di notte, perché di notte il sacro è reale, e chi sa raccontare racconta sapendo che il nome è quella cosa che il nome nomina.