Nome di un troiano, ucciso da Teucro (Hom. Il. 8, 275).
Secondo Wathelet (Dictionnaire des Troyens de l’IliadePoema epico dell'antica civiltà greca, del sec. VIII a.C. composto da Omero, in 24 canti o libri di complessivi 15.693 esametri in dialetto jonico. Racconta i fatti dell'ultimo mese e mezzo della decennale guerra di Ilio o Troia; il sorgere dell'ira di Achille verso... Leggi, p. 736) i nomi in -φόντης sono rari e designano in generale dei personaggi arcaici. Carnoy (DEMGR) lo interpreta come “pieno di luce”, ritenendolo quindi un composto di λυκο-, “luce” e del suffisso -φόντης, che indicherebbe abbondanza, derivato dall’indoeuropeo *ghwen, “gonfiarsi di”, greco εὐθένεια, “abbondanza”. Secondo Chantraine (DELG, s. v. εὐθενέω) anche la seconda parte dei nomi Κρεσφόντης e Πολυφόντης ha tale significato. Assai più probabile, però, è l’interpretazione di questo nome come un composto di λύκος, “lupo” e di -φόντης, “assassino” (cfr. Chantraine, DELG, s. v. θείνω) e tradurlo con “uccisore di lupi”, come affermano anche von Kamptz (Homerische Personennamen, p. 78) e Wathelet (Dictionnaire des Troyens de l’Iliade, p. 736).

Crediti
   •  Λυκοφόντης  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Ciascuno le interpreta un destino
16% AforismiCesare Pavese
Non è che accadano a ciascuno cose secondo un destino, ma le cose accadute ciascuno le interpreta, se ne ha la forza, disponendole secondo un senso, vale a dire, un destino.
Libertà massacrante
14% Pier Paolo PasoliniPoesie
Ho voluto la mia solitudine sono senza amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi, mentre, barbaro o miseramente borghese, il mondo è pieno, pieno d’amore… e sono qui come un animale senza nome: da nulla consacrato, non appartenente a nessuno, libero di una libertà che mi ha massacrato.
Pensiero superiore alla opera
14% Ernest HelloEstratti
L’uomo mediocre non avverte né la grandezza, né la miseria, né l’Essere, né il nulla; non è né estasiato né decaduto: resta sul penultimo gradino della scala, incapace di salire e troppo pigro per scendere. Nei suoi giudizi come nelle sue azioni, sostitui⋯
Illuminazione di inanità
14% FilosofiaThomas Ligotti
Sapere, capire nel senso più pieno, significa immergersi in un’illuminazione di inanità, un paesaggio invernale della memoria la cui sostanza è tutta ombre e una profonda consapevolezza degli spazi infiniti che ci circondano su tutti i lati. All’interno d⋯
Slancio verso la prolissità
13% Emil CioranPercorsi
Il silenzio è insostenibile, è più facile rinunciare al pane che al verbo; il moto dello spirito esige parole in massa, senza le quali, avvolto su se stesso, rimugina la sua impotenza. Disgraziatamente l’eloquio scivola nello sproloquio; anche il pensiero⋯