Re dell’Illiria, nell’Adriatico nord-orientale, sposò un’attempata AgaveMadre di Pentéo (figlia di Cadmo e di Ermione). Avendo il figlio cercato di impedire le feste dionisiache che si stavano per svolgere sul monte Citerone in Grecia, la madre che faceva parte del coro delle Baccanti, invasata dal furore sacro scambiato il figlio... Leggi, quando questa fu esiliata da TebeFiglia di Asopo e di Metope e sposa di Zeto che per amore diede il nome della moglie alla città che fino a quel momento era chiamata Cadmea.... Leggi dopo i tragici fatti dello sbranamento di PenteoFiglio di Agave e di Echione, che era uno degli Sparti nati dai denti del drago ucciso da Cadmo. Poiché la madre era sorella di Semele, Penteo era cugino di Dioniso, del quale però disprezzava il culto. Proprio questo determinò la sua morte. La... Leggi per mano delle Baccanti BaccantiCorteo di donne incoronate di pampini che seguiva il carro di Dioniso durante i suoi errabondi viaggi in Oriente. Con tale nome furono poi indicate le sacerdotesse che celebravano i riti in suo onore. Recavano in mano il tirso, un bastone sormontato da pampini... Leggi da lei guidate contro suo figlio. Fu poi ucciso da lei medesima, e cosí il suo trono andò al vecchio padre Cadmo Figlio del re fenicio Agenore di Sidone e di Telefassa, era fratello di Europa, la fanciulla rapita da Zeus in forma di toro. Fondò il primo nucleo di Tebe e sposò Armonia, dalla quale ebbe le sfortunate figlie Autonoe, Ino, Agave e Semele. Verso... Leggi; Hygin. Fab. 184, 2; 240, 1; 254, 3.
Questo idionimo, che si trova solo in Igino, può essere letto come composto di λύκος (“lupo”) e θάρσος (“coraggio”), e significare quindi “colui che ha il coraggio di un lupo”. Sembra da scartare la possibilità (anche se proposta già in passato per l’analogo Aliterse1. Oscuro figlio di Anceo 2., nipote di Posidone e di Astifalea; Asius, Fr. 7 Bernabé = Pausan. 7, 4, 1. 2. Vecchio indovino esperto in ornitomanzía, figlio di Mastore; lui solo predisse a Odisseo un'assenza di 20 anni da Itaca. Interpreta il volo... Leggi, cfr. Eustath. Comm. ad Od. 1, 90,. 3-4, a Od. 2, 157) di collegare il secondo componente con il verbo θέρω, θέρομαι, “riscaldo”, “brucio”.

Crediti
   •  Λυκοθέρσης  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Per rimanere vivo il più a lungo possibile
24% CelebriMario Monicelli
L’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi delle donne, parenti, figlie, mogli, amanti, è molto pericoloso. La donna è infermiera nell’animo, e, se ha vicino un vecchio, è sempre pronta ad interpretare ogni suo desiderio, a correre a portargli quello di cui ha bisogno. Così piano piano que⋯
Lungo e largo
18% Ernest HemingwaySchiele Art
Una volta non si sarebbe preoccupato, ma il suo lato combattivo era ormai stanco, insieme all’altro, e in quella lotta lui era ormai solo, e giaceva su quel vecchio letto, lungo e largo, senza riuscire né a leggere né a prender sonnoNell'antica mitologia greca, il dio del sonno, figlio dell'Erebo e della Notte.... Leggi.
Il grafomane
15% Jacques DerridaLinguaggio
La scrittura è il figlio miserabile. Il miserabile. Il tono di Socrate è talvolta accusatore e categorico, denuncia un figlio traviato e ribelle, un eccesso e una perversione, talvolta impietosito e condiscendente, compiange un vivo orbato, un figlio abba⋯
Tu non sei Odisseo
15% FrammentiOmero di Chio
Così dicendo baciò il figlio e per le guance il pianto a terra scorreva: prima l’aveva frenato. Telemaco Figlio di Ulisse e di Penelope. Quando il padre partì per la guerra di Troia, Telemaco era appena nato, poi, mentre Ulisse era tenuto lontano da Itaca dall'odio di Poseidone, tenne a bada i pretendenti della madre e si mise in viaggio per raccogliere... Leggi – poiché non ancora credeva che fosse il padre – gli disse di nuovo, rispondendo, parole: . «No, tu non sei OdisseoFiglio di Laerte e Anticlea (Hom. Od., passim). Le interpretazioni degli antichi sono diverse: già nei poemi omerici, questo nome è riportato al verbo *ὀδύσ(σ)ομαι, "essere arrabbiato, adirato con qualcuno, odiare"; il nome sarebbe il ricordo di un fatto sgradevole e doloroso, accaduto prima... Leggi, non sei il padre mio, ma m’incant⋯
La futilità della filosofia
15% Emil CioranFrammenti
L’insonnia è una vertiginosa lucidità che riuscirebbe a trasformare il paradiso stesso in un luogo di tortura. Qualsiasi cosa è preferibile a questo allerta permanente, a questa criminale assenza di oblio. È durante quelle notti infernali che ho capito la⋯