Venivano chiamate così le ninfe Con questa parola i Greci designano una giovane donna in età sessuale matura, per cui il termine poteva essere usato per indicare senza distinzione una dea o una mortale. Il termine anche se indicava una figlia di dea o una figlia di dio non... Leggi dei prati.


Crediti

Similari
Quali colombe, dal disio chiamate
42% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Quali colombe, dal disio chiamate, con l’ali alzate e ferme al dolce nido vegnon per l’aere, dal voler portate; cotali uscir de la schiera ov’è Dido, a noi venendo per l’aere maligno, sì forte fu l’affettüoso grido.
Congiungere il fenomeno con la realtà
39% AforismiSchiele ArtYukio Mishima
Soggiacevo a quello struggimento, ormai ben attecchito in me, di voler nutrire realmente i sentimenti che mi venivano attribuiti. Ecco come posso definire in una sola frase il cosiddetto amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi: è l’illusione di poter congiungere il fenomeno con la realtà.⋯
La propria inclinazione
38% PercorsiPlatone
Non essendoci differenze esteriori di nascita, anche le donne sono chiamate, ognuna secondo la propria inclinazione, ad assolvere le stesse funzioni degli uomini, comprese la guerra e il governo, avendo i loro stessi diritti-doveri. 428 a.C. Platone aspet⋯
Il mito di Er
38% PsicologiaUmberto Galimberti
Secondo Platone, l’anima dell’uomo è immortale e incorporea, come racconta il famoso mito di Er, contenuto nella “Repubblica”. Er, eroe morto in battaglia, racconta che la sua anima, una volta uscita dal corpo si era messa in cammino con molte altre fino ⋯
Diversi sì, inferiori no
37% Louise MichelPolitica
Ah, gli esseri inferiori, ecco il pretesto d’ogni dominazione!… Inferiori perché? Perché altri più violenti, o più astuti, riuscirono ad assoggettarli o ad ucciderli? O non sono invece inferiori di senso morale quelli che formano la felicità propria sul⋯