1. Uno dei cinquanta figli di Egitto e marito di Ipermestra, l’unico che si salvò dalla strage compiuta dalle Danaidi (Apollod. Bibl. 2, 1, 5); 2. altro personaggio con questo nome è il figlio di Afareo e fratello di Ida, noto per la sua straordinaria vista (Apollod. Bibl. 3, 10, 3).
Il nome deriva da λύγξ, “lince” e significa quindi “dalla vista acuta come una lince”. Perpillou (Les substantifs grecs en -εύς, § 222) ritiene che si possa trattare di una forma ipocoristica per *Λυγκώπας, nome peraltro non testimoniato.

Crediti
   •  Λυγκεύς  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Falsa presunsizione
16% FilosofiaGeorg W. Friedrich HegelSchiele Art
Ciò che è noto Dio dell'omonimo vento del sud, apportatore di tempeste e di oscurità per cui rendeva insicura la navigazione. Era chiamato anche col nome di Austro.... Leggi, non è conosciuto. Nel processo della conoscenza, il modo più comune di ingannare sé e gli altri è di presupporre qualcosa come noto e di accettarlo come tale.
I limiti del linguaggio
16% LinguaggioLudwig Wittgenstein
Il linguaggio è un labirinto di strade, vieni da una parte e ti sai orientare, giungi allo stesso punto da un’altra parte e non ti raccapezzi più. L’uomo deve spingere contro i limiti del linguaggio. Pensate ad esempio alla meraviglia che qualcosa esista.⋯
Sintomi di demenza
15% Leonardo da VinciNeuroscienze
La scienza medica è una forma di pazzia dalla quale pochi medici riescono a salvarsi. Spalleggiata dal commercialismo, questa forma di pazzia si alimenta sulla vita e sulla salute della gente. Chi crede, che l’arte medica possa compiere più di quanto la N⋯
Situazione sempre propria
14% Jean-Paul SartreSchiele Art
Non c’è alcun punto di vista assoluto dal quale si possa dipendere per confrontare due situazioni diverse; ogni persona non realizza che una situazione: la sua.
Quando ci entra in testa
14% FilosofiaGeorg W. Friedrich HegelMartin Heidegger
Ciò che è noto, non è conosciuto. Nel processo della conoscenza, il modo più comune di ingannare sé e gli altri è di presupporre qualcosa come noto e di accettarlo come tale. • Georg Wilhelm Friedrich Hegel • Ciò che è comprensibile “da se”, lo chiamiamo ⋯