Ninfa che avrebbe generato al fiume Cefiso il bel Narciso, presso Tespie in Beozia; (fonti tardive) Eustath. Comm. a Hom. Il. 2, 498 (1, 406). In Ovidio, Metam. 3, 341-510, il nome è Liriŏpe, e la vicenda è collocata al tempo di Tiresia Indovino tebano al quale vengono attribuite le più strane avventure. Un giorno mentre era sul monte Citerone gli capitò di vedere due serpi avvinghiate e uccidendo la femmina fu nello stesso punto mutato in donna e divenne una prostituta rinomata, sette anni dopo nello... Leggi.
L’idionimo riproduce un aggettivo in -όεις, femm. -όεσσα da λείριον, “giglio”, e significa semplicemente “liliale, simile a un giglio” (Chantraine, Formation, pp. 271-272). La forma ovidiana Liriŏpe sembra ricalcata sui composti in -οπη con vocale breve, cfr. Antiope, Argiope, Calciope, etc., e significa dunque “volto (o aspetto) di giglio”.

Crediti
   •  Λειριόεσσα  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
L’amor tuo resti a me
19% TeatroWilliam Shakespeare
Volto di donna che Natura pinse hai tu, signore e donna del mio amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi: cuor di donna, ma dolce, che non finge mutevolmente come donna suole, occhio più ardente, che men falso gira e illumina ogni forma dove posa, uomo all’aspetto, che ogni aspetto vince e⋯
L’altro
17% Octavio PazPoesie
S’inventò un volto. Dietro di esso, molte volte visse, morì e risuscitò. Oggi il suo volto ha le rughe di quel volto. Le sue rughe non hanno volto.
Responsabilità irrecusabile
15% Emmanuel LevinasFilosofia
Il volto è senso da solo: tu sei tu (nessun altro può sostituirti). Perciò il volto non è “visto”: è ciò che non può diventare un contenuto afferrabile dal pensiero. Il volto significa l’Infinito. L’Infinito si presenta come volto nella resistenza etica c⋯
Si dipinge dipingendo dèi
14% FrammentiGiovanni Romano Bacchin
Antropomorfico – avente cioè forma e sembianza umana – è dunque oltre le parole anche quel “conoscere” (o quell’aspetto del conoscere) in cui l’uomo esprime se stesso, o si proietta, o, per dire con l’antichissimo Senofane, vi si dipinge dipingendo dei ch⋯
Categoria astratta
14% Jean-Paul SartreLibri
Anche quando guardavo le cose, ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi a cento miglia dal pensare che esistevano: m’apparivano come un ornamento. (…) Se mi avessero domandato che cosa era l’esistenza, avrei risposto in buona fede che non era niente, semplicemente una forma vuota che veniva ⋯