Nome di diversi personaggi:
1) Figlia di Atlante Gigante figlio di Giapèto per aver aiutato gli altri giganti nella rivolta contro Zeus, fu condannato a reggere il peso del mondo sulle spalle. Egli possedeva il giardino delle esperidi, dove maturavano i famosi pomi d'oro. Prima che Zeus lo condannasse a quella triste... Leggi e di Pleione e madre di Ermes ErmesFiglio di Zeus e di Maia la più grande delle Pleiadi. Ermes veniva considerato come la personificazione del vento e come tale ne aveva le caratteristiche: la velocità, la leggerezza, l'incostanza, la monelleria e l'umore scherzoso. Caratterizzato da astuzia e abilità, gli furono date... Leggi;
2) La Maia dei Romani era moglie di Vulcano e annunciava la primavera;
3) La Maia indiana era madre della Trimurti e del dio dell’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi Kamadewa.


Crediti

   • Μαῖα •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
 ⋯
1. Per i Romani era moglie di Vulcano e annunciava la primavera.
2. Per gli indiani era madre della Trimurti e del dio dell’amore Kamadewa.
3. La maggiore delle sette Pleiadi, figlia di Atlante e di Pleione. Zeus si unì a lei e la rese madre di Ermes che partorì in una grotta del monte Cilene. Il nome deriva da una radice ma- (riscontrabile ad esempio in μήτηρ): si tratta di un ipocoristico di carattere familiare (Lallwort) in -ια, suffisso indoeuropeo femminile (-y come γραῖα), cfr. Frisk (Gr.Et.Wört. s.v. μαῖα); significa “piccola madre, mammetta” (cfr. Chantraine, DELG s.v.).

ninfa pudica
di belle trecce adornata, d’amore
stretta con Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi. Ella dei numi beati
schivava la schiera abitando in un antro
opaco, dove alla ninfa si univa in amore
nell’alta notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi il Cronide lontano
dai numi immortali e dagli uomini
mentre nel sonno soave Era giaceva. (IV Inno omerico a “Ermes”)