Figlia di Eveno 1. e di Demonice; fu rapita da Apollo, ma il fidanzato Ida si oppose al dio. Marpessa ebbe da Zeus la facoltà di scegliere fra i due pretendenti e scelse Ida (Apollod., Bibl. 1, 7, 7 s.; Simon. Fr. 58 PMG 563 = Schol. Hom. ad Il. 9, 557).
Il nome sembra derivare dal verbo μάρπτω, “afferrare, impadronirsi di”, ma non è necessario metterlo in rapporto con la vicenda del ratto da parte del dio. Secondo von Kamptz (Homerische Personennamen, p. 308) il suffisso -ssindicherebbe che si tratta di un nome pregreco d’AsiaNinfa figlia di Oceano e di Teti, diede il suo nome a una delle tre parti del mondo allora conosciuto.... Leggi Minore.
La figlia di Eveno1. Figlio di Ares, padre di Marpessa, eroe eponimo del fiume dell'Etolia, oggi Phidaris, che sfocia presso Calidone (noto ad Hesiod. Theog. 345, dove, come tutti i fiumi, è figlio di Oceano e Tetys; l'eponimia è in Apollod. Bibl. 1, 7, 7-8, cfr. Ps.... Leggi, fu amata da Apollo ApolloSenza dubbio dopo Zeus, Apollo è il dio più importante della mitologia greca. Il mito di Apollo è legato a quello di Artemide (sorella gemella di lui) con le differenze sessuali ed ha un carattere parallelo. Latona sedotta da Zeus pellegrinò a lungo sulla... Leggi: ma Ida1) Catena di montagne della Troade, in Asia Minore, dove si svolsero il giudizio di Paride, l'incontro tra Anchise e Afrodite e il ratto di Ganimede da parte di Zeus. Una tradizione vuole che qui si siano celebrate le nozze segrete tra Zeus ed... Leggi, figlio di AfareoFiglio di Perierète e di Gorgofòna nipote di Perseo e re di Messene, ebbe culto a Sparta. Fu padre di Ida e Linceo, avversari dei Dioscuri.... Leggi, la rapì su un carro alato, dono di PosidonePosidone è in Omero uno dei tre figli di Crono e di Rea che si divisero il regno del padre: gli toccò il dominio del mare (Hom. Il. 15, 187-193), mentre Ade ebbe il regno degli Inferi e Zeus quello del cielo. L'associazione con... Leggi. Allora, Eveno, saltò sul carro e lo inseguì; ma quando giunto al fiume Licorma e resosi conto che non gli era possibile proseguire, sgozzò i suoi cavalli e si gettò nel fiume, che da quel giorno, in suo onore, fu chiamato Eveno. Intanto Ida era arrivato a Messene, dove Apollo si scontrò con lui per strappargli Marpessa. Mentre combattevano per averla, Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi interruppe il loro duello, e disse alla fanciulla di scegliere lei quello che voleva per marito: e Marpessa, temendo che, nel diventar vecchia, Apollo l’avrebbe abbandonata, preferì Ida.

Crediti
   •  Μαρπήσσα  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Zeus e Prometeo
15% Giulio Maria ChiodiMitologia
La vicenda raccontata dal mito, il rifiuto di Prometeo Titano figlio di Giapeto e di Climene figlia di Oceano. In origine era solamente un Titano intelligente che riuscì ad ingannare Zeus, ma successivamente fu trasformato nel creatore e salvatore del genere umano mentre Zeus appare come un crudele tiranno. Quando i Titani sfidarono... Leggi di piegarsi alla volontà di Zeus, evoca paradigmaticamente una questione che noi definiremo di principio: l’indipendenza del sapere del potere. Chi ha il potere non ha il sapere e chi ha il sapere non⋯
Titano e Olimpico
14% FrammentiMarguerite Yourcenar
Ogni uomo, nel corso della sua breve esistenza, deve scegliere eternamente tra la speranza insonne e la saggia rinuncia a ogni speranza, tra il piacere dell’anarchia e quelli dell’ordine, tra il Titano e l’Olimpico. Scegliere tra essi, o riuscire a compor⋯
Non tiravo nessun carro, io
14% Luigi PirandelloSocietà
Ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi rimasto così, fermo ai primi passi di tante vie, con lo spirito pieno di mondi o di sassolini, che fa lo stesso. Ma non mi pareva affatto che quelli che m’erano passati avanti e avevano percorso tutta la via, ne sapessero in sostanza più di me. M’eran⋯
Qualità umane e intellettuali
14% Albert EinsteinSocietà
A me la cosa peggiore in una scuola sembra l’uso di metodi basati sulla paura, sulla forza e sull’autorità artificiosa. Un tale trattamento distrugge i sentimenti sani, la sincerità e la fiducia in se stesso dell’allievo. Produce dei soggetti sottomessi. ⋯
Il superfluo come costante
13% AforismiGiovanni Romano BacchinSchiele Art
Se non è necessario che problema vi sia, il necessario non è problematico, non entra in alternativa con nulla.