Nome di diverse eroine, fra cui 1. la sorella di Amaltea, e 2. una vecchia sacerdotessa di Demetra. 3. Nomignolo di Liside, moglie di Periandro di Corinto, che dopo morta inviava enigmi a suo marito dall’oltretomba (Herodot. 5, 92 η; Diog. Laert. I 94).
Questo nome significa “ape”; si tratta di un termine della famiglia di μέλι, “miele”, dalla radice indoeuropea *meli-t, miceneo me-ri KN Gg 702, “miele” (Pokorny, Indog. Etym. Wört., p. 723), di cui è un derivato (*melitya), come spiega Chantraine (DELG).

Crediti
   •  Μέλισσα  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Latte e miele
14% PoesieRafael AlbertiSchiele Art
E fui sconfitta io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi, senza violenza, con miele e con parole.
Cuore nuovo
12% Federico García LorcaPoesieSchiele Art
Il mio cuore, come una serpe, si è sfilato la pelle di dosso e la guardo qui tra le mie dita piena di ferite e miele. • Federico García Lorca • • Cuore nuovo • • Egon Schiele • •
A ciascuno la sua radice
10% Hermann HessePercorsi
Due persone possono andare d’accordissimo, parlare di tutto ed essere vicine. Ma le loro anime sono come fiori, ciascuno ha la sua radice in un determinato posto e nessuno può avvicinarsi troppo all’altro senza abbandonare la sua radice, cosa peraltro imp⋯
Una puntura velenosa
9% AforismiElias Canetti
Può essere una cosa da poco, un’arachide, una radice, una minuscola pietra, una puntura velenosa, un odore nuovo, un suono inesplicabile, o anche una linfa oscura che si spinge lontano: quando egli ha il coraggio e l’accortezza di destarsi dalla prima ver⋯
Il vento al fiore
9% Hermann HesseSchiele Art
Due persone possono andare d’accordissimo, parlare di tutto ed essere vicine. Ma le loro anime sono come fiori, ciascuno ha la sua radice in un determinato posto e nessuno può avvicinarsi troppo all’altro senza abbandonare la sua radice, cosa peraltro imp⋯