Fu da Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi fulminato per avere preso parte alla rivolta dei Titani I Titani erano delle divinità antichissime, tanto antiche che presso i Greci non avevano più culto, fatta eccezione per Elio e Crono. I Titani erano figli di Urano e di Gea, erano sei maschi e sei femmine i loro nomi sono: I maschi Coio,... Leggi.


Crediti

   • Μενοίτιος •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Nome di 1) un Gigante, figlio di Giapeto e dell’oceanina Climene (Hesiod. Theog. 510) e del 2) figlio di AttoreEroe tessalo, re di Fere, che accolse Peleo e gli trasmise il regno alla sua morte (Apollod. Bibl. 1, 7, 3; 8, 2). Questo nome è attestato già in miceneo nella forma A-ko-to (KN Sc 239). Significa "capo", derivando dal verbo ἄγω, "condurre" col... Leggi e di Egina di Metope figlia del fiume Ladone. Egina fu rapita da Zeus che voleva farla sua, ma Asopo avvertito da Sisifo del rapimento mise in fuga il rapitore che per sfuggire si mutò in roccia, davanti alla quale Asopo passò senza accorgersi di niente. Zeus... Leggi e padre di Patroclo Amico di Achille. Lo seguì a Troia e combatté al suo posto quando Achille, sdegnato contro Agamennone, si rifiutava di aiutare i Greci. Scambiato dai Troiani per Achille, capovolse le sorti della battaglia ma rimase ucciso da Ettore... Leggi.
Già Pape e Benseler (WGE) lo mettono in relazione con μένος, “passione, ardore, forza”, nel senso di “il duro, l’ardimentoso”, Harold. Mühlestein (Homerische Namenstudien, p. 51) lo interpreta come un composto del verbo μένω, “attendere” e di οἶτος, “destino”, col significato dunque di “colui che attende il suo destino”, come il precedente Menete; in questo vede un collegamento con le vicende del figlio Patroclo (2), anche se sembra inverosimile che il padre abbia imposto un nome riferito alle imprese del figlio, quasi prevedendone il triste destino. Secondo von Kamptz (Homerische 230 Personennamen, p. 254) deriva invece dalla radice *men-, “pensare, meditare” (cfr. greco μέμονα), senza però spiegare in modo convincente la seconda parte del nome.


Crediti

   • Μενοίτιος •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Rappresentazione primitiva della madre
20% AnonimoSchiele Art
La rappresentazione della Sacra Famiglia, segna una profonda trasformazione del tema madre-bambino. La triangolazione padre – madre – bambino, qui presente, sembra immersa in una dimensione tragica: la madre deve allontanarsi dal padre per proteggere il p⋯
Vento tra le foglie
19% PercorsiSimone Weil
Mi sembra duro pensare che il rumore del vento tra le foglie non sia un oracolo; duro pensare che questo animale, mio fratello, non abbia anima; duro pensare che il coro delle stelle nei cieli non canti le lodi dell’Eterno.
Volontà inconsapevole di continuare
19% Goliarda SapienzaPercorsi
In un lampo1. Figlio del troiano Laomedonte, eponimo di Lamponeia in Troade (Hom. Il. 15, 526; 20, 238). 2. Uno dei cavalli della quadriga di Ettore, con Eto, Podargo 1 e Xanto 2, nutriti amorevolmente da Andromaca con abbondante frumento e vino (Hom. Il. 8, 185-190).... Leggi capii che cosa era quello che chiamano destino: una volontà inconsapevole di continuare quella che per anni ci hanno insinuato, imposto, ripetuto essere la sola giusta strada da seguire.
Uomini e topi
18% John SteinbeckLibri
In questo breve romanzo, Steinbeck riprende il tema sociale del problema della ricerca di un lavoro stabile e di una vita sicura, nonché quello della protesta contro lo sfruttamento del povero e dell’irregolare da parte di un mondo retrivo. In verità il r⋯
Il grafomane
15% Jacques DerridaLinguaggio
La scrittura è il figlio miserabile. Il miserabile. Il tono di Socrate è talvolta accusatore e categorico, denuncia un figlio traviato e ribelle, un eccesso e una perversione, talvolta impietosito e condiscendente, compiange un vivo orbato, un figlio abba⋯