Figlio di Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi e di Europa EuropaIn Fenicia viveva una bellissima principessa, Europa, figlia di Agenore e di Telefassa. (o di Argiope, secondo Igino). La giovane donna si recava spesso con le sue coetanee, sulle rive del mare per bagnarsi o per intrecciare ghirlande di fiori. Zeus dall'alto la vide... Leggi. La madre dopo essere stata abbandonata da Zeus sposa AsterioO dio degli astri. Fu re di Creta, sposò la figlia del re dei Fenici, Europa ed allevò come suoi i figli che ella aveva avuto da Zeus quando la rapì sotto forma di toro.... Leggi re di Creta, alla morte di costui pretese la successione al trono, perciò prego Poseidone Figlio di Crono e di Gea, fratello di Zeus e di Ade. A lui toccò la signoria del mare, comprese le coste e le isole ed essendo la terra territorio franco non disdegnava prendere qualche proprietà. Abitava in un palazzo in fondo agli abissi... Leggi che gli mandasse egli stesso la vittima da sacrificare per la sua incoronazione, il dio per mostrargli il suo consenso dal mare fece nascere un toro bianco. Era una bestia così bella che Minosse non volle sacrificare e lo sostituì con un altro toro. Così facendo, si tirò addosso lo sdegno di Poseidone che del toro ne fece il suo strumento di vendetta, difatti fece in modo che Pasifae (la Splendente) Figlia di Elios e di Perseide, quindi sorella di Circe e di Eeta. Fu moglie di Minosse, re di Creta. A proposito del suo matrimonio con Minosse il mito narra che: così come i fratelli anche Pasifae era dotata di poteri magici... Leggi moglie di Minosse si innamorasse follemente di quel toro. La donna si struggeva dal desiderio di accoppiarsi con quel favoloso toro ma la cosa non era per niente facile, allora si rivolse a Dedalo Ateniese che era un genio paragonabile a Leonardo da Vinci. Un certo Talo, suo allievo inventò la sega ed il trapano, allora Dedalo, ingelosito lo uccise, condannato all'esilio per questo reato, si rifugia a Creta presso re Minosse. La costruisce la finta mucca, che... Leggi che era ospite alla corte di Minosse. Il geniale inventore fabbricò una vacca di legno, all’interno cava e di sopra ci mise una pelle bovina per ingannare l’animale e spiegò alla sciagurata come sistemarsi all’interno di quello sconcio simulacro. Allora spinse la finta vacca sul prato dove allegramente il toro la montò soddisfacendo così l’insane voglie di Pasifae. Scaduto il tempo Pasifae partorì una creatura mostruosa dalla testa di toro e dal corpo umano che fu chiamato Minotauro Mostruoso essere per metà uomo e per metà toro, nato dall'unione di Pasifae, moglie di Minosse re di Creta, con un toro mandato sull'isola da Poseidone. Viveva nel labirinto del palazzo dove, con l'aiuto di Arianna, lo raggiunse e lo uccise l'eroe Teseo.... Leggi. Minosse per nascondere quelle incestuosa corna fece rinchiudere il mostro e la moglie nel Labirinto.


Crediti

   • Μίνως •
 • Autori Vari •
 • Dizionario dei miti e dei personaggi della Grecia antica •
Nome del re di Creta, figlio di Zeus e di Europa, marito di Pasifae e padre di Fedra, Arianna e del Minotauro. Fa rinchiudere quest’ultimo da Dedalo nel famoso labirinto (Plut. Epist. ad Apoll. 121d = Mor. 121 c-d; Hist. parall. 34 = Mor. 314b; Apollod. Epit. 1, 8-9).
Un’etimologia sicura non è stata ancora trovata. Secondo Chantraine (DELG) questo nome appartiene al sostrato. Von Kamptz (Homerische Personennamen, p. 353) ritiene che si tratti di un nome pregreco dell’Asia Minore. Carnoy (DEMGR) pensa che sia possibile un confronto con Manu-, divinità degli Indù, figlio di Vivasvat, “il sole nascente”, anche se con cautela: ipotizza che un’uscita forte in -ōus > ōs abbia potuto rendere la a una vocale vaga, che in pelasgico sarebbe stata resa con u; dalla forma *munōus ci sarebbe stato il passaggio a mynōus, quindi a minōs.


Crediti

   • Μίνως •
 • DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
A Pasifae piaceva il toro
64% Plutarco di CheroneaRacconti
Un giorno la regina Pasifae, parlando con alcune amiche, disse: “Francamente del sesso non m’importa nulla. Fosse per me, ne farei a meno”. Non l’avesse mai detto: Afrodite AfroditeDea greca dell'amore, i romani la identificarono in Venere. In occidente il culto della dea ebbe il suo maggior centro in Sicilia ad Erice dove esisteva un tempio dedicato a Tanit. Si praticavano riti di fecondità e la prostituzione sacra. Dalla Sicilia il culto... Leggi, punta sul vivo, la trasformò in una ninfomane e da quel giorno la poverina non eb⋯
Serve la mappa del labirinto
25% FrammentiItalo Calvino
L’attitudine oggi necessaria per affrontare la complessità del reale, rifiutandosi alle visioni semplicistiche che non fanno che confermare le nostre abitudini di rappresentazione del mondo; quello che ci serve è la mappa la più particolareggiata possibil⋯
La ghiott’Europa
23% Guido CagnacciMedia
Quando Zeus vede alla giovane Europa si trasforma in toro, la fa salire sul suo dorso e se la porta lontano da Creta per possederla. Oggi il toro è il simbolo dei mercati finanziari, e il ratto d’Europa è l’efficace metafora di quanto sta accadendo. • Gui⋯
Non sottomettersi a Tlön
19% Jorge Luis BorgesPercorsi
Dieci anni fa, bastava una qualunque simmetria con apparenza di ordine – il materialismo dialettico, l’antisemitismo, il nazismo – per mandare in estasi la gente. Come, allora, non sottomettersi a Tlön, alla vasta e minuziosa evidenza di un pianeta ordina⋯
Lì e basta
18% Aldo BusiFrammenti
“Da dove arrivava? Dal Kenya. E sua moglie? Sua moglie stava bene.” Con indosso la solita pelliccetta di martora spelacchiata, Giovanna si ripeteva in terza persona questa frase, mentre attendeva l’autobus con la scarpa destra scalzata e il piede corrispo⋯