Popolo immaginario citato insieme agli Erpetositi (“Mangiaserpenti”), ai Rizofagi, agli Ftirofagi, e agli Etiopi Macrobii, in luoghi improbabili vicino al fiume Oceano, perché si astengono, a differenza dei popoli antropofagi, dal mangiare carne umana (Porphyr. apud Macar. Magn. Apocrit. III 15).
Il nome significa semplicemente “Divoratori di topi”, da μῦς, “topo” e il verbo τρώγω, “mangio”, “mi nutro di”.

Crediti
   •  Μυοτρώκται  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Per non ridurci a topi
37% Alain BadiouSocietà
L’aria è piena del suonar di pifferi che ci richiamano in quanto topi. Topo è anche il “tuttologo”, chi si precipita a farsi un’opinione su qualunque fatto, per gettarla subito in pasto al mondo. Topi sono certi “attivisti da click” che aprono gruppi su F⋯
Metafora dei topi
23% Aldo BusiPercorsi
I topi sono bellissimi, sono degli animali preziosi, contribuiranno anch’essi ad un aspetto vitale dell’ecosistema, ma devono stare nelle fogne. Adesso i topi sono fuori dalle fogne e hanno cominciato a credersi dei gatti. E i gatti che sono stati viziati⋯
Mouseland
15% RaccontiTommy Douglas
Questa è la storia di un luogo chiamato Mouseland. Mouseland era un luogo dove tanti topolini vivevano e giocavano, dove nascevano e morivano. E vivevano più o meno come facciamo noi. Avevano anche un parlamento. E ogni quattro anni c’era un’elezione. Usa⋯
Trasformazioni
14% Henrik IbsenPoesieRacconti
In un giardino c’era un meloGiovane di Delo che si recò a Cipro, dove prese in moglie Pelia, sacerdotessa di Venere e parente del re Cinira, e ne ebbe un figlio che portava il suo stesso nome. Alla morte di Adone, Melos padre, che era stato suo amico, si... Leggi in fiore e in questo giardino c’era anche un’ape che s’innamorò d’uno dei bianchi fiori del melo. Entrambi s’amarono appassionatamente e si fidanzarono. Poi l’ape, d’estate, se ne andò e quando tornò il fiore si era trasformat⋯
L’instabilità dei caratteri
13% Jane AustenSchiele Art
Sono poche le persone a cui io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi voglio veramente bene e ancor meno sono quelle di cui io nutro una buona opinione. Più conosco il mondo e meno ne sono entusiasta: ogni giorno che passa mi conferma nel mio giudizio sull’instabilità dei caratteri e sullo sca⋯