Figlio di Ermes e di Fetusa (oppure di Climene1) Figlia di Oceano e Teti, sposa di Giapeto al quale generò Atlante, Prometeo e Epimeteo. 2) Una della Nereidi, moglie di Prometeo e madre di Deucalione.... Leggi), auriga di Enomao, per amore di Ippodamia tradì il suo padrone facendo vincere Pelope nella gara di carri a cui partecipavano i pretendenti della fanciulla (Apollod. Epit. 2, 6-7). Colpevole, poi, di aver cercato di usarle violenza, venne da Pelope gettato in mare, che per questo prese il nome di Mirtoo (Apollod. Epit. 2, 8).
Questo nome è un derivato di μύρτος, “mirto” (Chantraine, DELG, s. v. μύρτος). Secondo Carnoy (DEMGR, s. v.), invece, significherebbe “il fangoso”, derivando da una radice indoeuropea *mer; questa ipotesi è piuttosto immotivata, in quanto la radice significa “luminoso”.

Crediti
   •  Μύρτιλος  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
L’importante è imparare a sperare
17% Ernst BlochPsicologia
Il lavoro della speranza non è rinunciatario perché di per sé desidera aver successo invece che fallire. Lo sperare, superiore all’aver paura, non è né passivo come questo sentimento né, anzi meno che mai, bloccato nel nulla. L’affetto dello sperare si es⋯
Sintomi di demenza
14% Leonardo da VinciNeuroscienze
La scienza medica è una forma di pazzia dalla quale pochi medici riescono a salvarsi. Spalleggiata dal commercialismo, questa forma di pazzia si alimenta sulla vita e sulla salute della gente. Chi crede, che l’arte medica possa compiere più di quanto la N⋯
Chi mi ci ha messo?
14% Blaise PascalSchiele Art
Quando considero la breve durata della mia vita, immersa nell’eternità che la precede e la segue, il piccolo spazio che occupo e persino che vedo, inabissato nell’immensità infinita degli spazi che ignoro e che mi ignorano, mi sgomento e mi stupisco di ve⋯
Il sonno ci aveva sorpresi nudi
14% Raymond RadiguetSchiele Art
Risvegliandomi, nel vederla scoperta, temetti che avesse preso freddo. Toccai il suo corpo. Bruciava. Vederla dormire mi procurava una voluttà senza pari. Dopo dieci minuti questa voluttà diventò insopportabile. La baciai sulla spalla. Non si svegliò. Un ⋯
Il nome della non-verità
14% FilosofiaJacques Derrida
Non si dà essenza della donna in quanto la donna (si) apre/allontana spontaneamente. Essa inghiotte, deforma dal profondo, senza fine, senza fondo, ogni essenzialità, ogni identità, ogni proprietà. Ormai accecato, il discorso filosofico si inabissa – si l⋯