Nobile dell’Elide, che si sacrificò per placare gli dèi durante una carestia (Tzetz. ad Lyc. 160).
Il nome è connesso col verbo μέλπω, -ομαι, “cantare” e significa “cantante” (cfr. Pape e Benseler, WGE); si veda μολπή, “canto”.

Crediti
   •  Μόλπις  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Incombenza codarda
16% Fabrizio de Andre’Musica
Quando siamo arrivati a Sanremo, l’altro ieri, non c’era alcuno che confortasse quel povero fratello. Non un cantante ha mandato un fiore.
Pensiero connettivo e sostitutivo
14% FilosofiaRoberto Calasso
L’umanità non dispone di una sovrabbondanza di modi del pensiero. E due si distaccano come fratelli nemici: connettivo e sostitutivo. Fondati ciascuno su un enunciato: « a connesso a b » e « a sta per b » (dove « a implica b » è un sottoinsieme di « a con⋯
Un’arma terribile
13% AforismiFranz Kafka
Ora però le sirene Figlie del dio fluviale Acheloo e della Musa Calliope. Erano le messaggere di Persefone. Il loro compito era quello di fare entrare le anime dei defunti nell'Ade addolcendogli il passo col loro canto. Erano figurate come uccelli con la testa e il torso di... Leggi hanno un’arma ancor più terribile del canto, ed è il loro silenzio. È forse pensabile… che qualcuno possa salvarsi dal loro canto: sicuramente non dal loro ammutolire. • Franz Kafka • • • • • Pinterest • •
Lunatici all’ombra
13% HaikuSchiele ArtYosa Buson
Che luna: il ladro si ferma per cantare.
Dimora d’ogni cosa
13% PoesieSara Teasdale
E quando sarò andata, andata via, il mio canto potrà forse restare per poco, come l’onda nella scia dopo ché s’è perduta in alto mare. Qualche notteDea del fenomeno naturale notte. Per gli Orfici era la dea primigenia che fecondata dal vento, depose l'uovo d'argento dal quale nacque Eros. Per Esiodo la Notte è figlia di Gea e del Caos. Unitasi incestuosamente al fratello Erebo generò: Etere, Thanatos, il Sonno... Leggi arderà, qualche altro giorno, della fragile striscia luminosa viva di canto, che farà ritorno al nulla poi⋯