John W. Waterhouse ⋯ NaiadeLe ninfe delle acque sorgive, dei fiumi, dei laghi, delle fonti e delle cascate. In genere erano dotate di poteri benefici. Rapirono e tennero presso di sé Ila, il giovane amato da Eracle. Raffigurate come fanciulle dall’aspetto bellissimo. Anche se di natura divina (sono spesso figlie di Zeus ZeusIn tutta la tradizione letteraria greca, e successivamente nel mondo latino dove assunse il nome di Giove, Zeus appare come il più importante e potente tra gli immortali, colui al quale tutti devono obbedienza. Per sua volontà il bene e il male era distribuito... Leggi o discendenti di OceanoSecondo Esiodo era figlio di Urano e di Gea. Invece per Omero, Oceano è il principio di tutte le cose. Egli è un dio fluviale con la particolarità di circondare tutte le terre e di sorgere da sè stesso e ritornare in sè stesso.... Leggi o figlie di divinità fluviali), esse non sono però immortali. Nei testi antichi, le Naiadi spesso erano usate per dare lustro alle famiglie più importanti.

Crediti
   •  Ναίδες  •
 • Miti 3000
 • Mitologia e dintorni
Ninfe delle fonti, cfr. Hom. Il. 20, 8. Un nome proprio femminile Νηίς, figlia di Zeto e sorella dell’infelice Itilo è attestato nel mito tebano in Pherec. (Fr. 124 e 125 Fowler).
Il nome comune ναίς, ionico νηίς, appartiene alla famiglia del verbo νάω, “scorrere”, con un vocalismo lungo di origine antica (Chantraine, DELG, s. v. νάω). Frisk (Gr. Et. Wört., s. v. νάω) postula in particolare la derivazione da un sostantivo *να#-α, “fonte”.

Crediti
   •  Ναίδες  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Istituzioni politiche
15% AristotelePolitica
È naturale che non sia una novità per chi si occupa di filosofia della politica la divisione in classi – quella dei guerrieri e quella dei contadini – del corpo della cittadinanza. Questo ordinamento vige tuttora in Egitto, dove fu stabilito da Sesostri, ⋯
La giustizia dell’utilità
15% EpicuroSchiele Art
Quando, senza che siano sopravvenute nuove circostanze, le cose sancite dalla legge come giuste si rivelano nella pratica non corrispondenti alla pre-nozione del giusto, vuol dire che in realtà non erano giuste. Ma quando, essendo sopravvenute nuove circo⋯
Che cosa ne so?
14% Fernando PessoaFrammenti
Il mistero delle cose, dov’è? Dov’è che non appare per lo meno a mostraci che è mistero? Che cosa ne sa il fiume e che cosa ne sa l’alberi e io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi, che non sono più di loro, che cosa ne so? Ogni volta che guardo le cose e penso a ciò che gli uomini pensano d⋯
La legge morale in me
14% Immanuel KantSchiele Art
Due cose riempiono l’animo di ammirazione e venerazione sempre nuova e crescente, quanto più spesso e più a lungo la riflessione si occupa di esse: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me.
Concetti basilari della scienza
14% PsicologiaSigmund Freud
Abbiamo spesso sentito sostenere che le scienze dovrebbero essere fondate su concetti basilari chiari e nettamente definiti. In verità, nessuna scienza, neanche la più esatta, comincia con tali definizioni. Il vero inizio dell’attività scientifica consist⋯