Figlia del dio-fiume Sangario (oggi Sakarya, Turchia nord-occidentale), che diventò feconda raccogliendo nel seno un frutto magico (un melograno, Arnob. Adv. nat. 5, 6) e generò Attis, divinità importante nel culto della Gran MadreDivinità delle forze generatrici della natura, idea diffusa in tutti i paesi del Mediterraneo, finì per contretizzarsi con svariate dee, quali: Cibele, Gea, Rea, Temi, Afrodite. Originariamente era un mucchio di legna carbonizzata coperta da cenere che teneva viva la brace.... Leggi Cibele (si tratta di un mandorlo in Paus. 7, 17, 10); per tutta la storia, (cfr. Arnob. cit. 5, 5-7). Il nome non è attestato nella fonte greca, ma solo in quella latina.
Il nome significa “madre” e deriva dall’indoeuropeo, confrontabile col sanscrito naná, neo-pers. nana, “madre”, latino nonna, cfr. Carnoy, (DEMGR, Frisk, Gr. Et. Wört. s. v.) νέννος. Si tratta di un vocabolo a raddoppiamento espressivo tipico del linguaggio infantile (Lallwort). Cfr. Pellizer, (Favole d’identità – Favole di paura, Roma 1982, pp. 132-136).

Crediti
   •  Νάνα  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Lingua essenziale
23% Giovannino GuareschiLinguaggio
Il latino è una delle cose più pulite che esistano al mondo. Leggendo un testo latino non si troverà una parola non necessaria, una parola inutile. Neppure è vero che il latino non serva a nulla e sia una lingua morta. Il fatto che non lo si parli più è d⋯
il pensare “mitico” di Nietzsche
19% Carlo Emilio GaddaSocietà
Tutta la storia, teoricamente, gli puzzava di favola. Ma la voce del giovane, quegli accenti, quel gesto, erano la voce della verità. Il mondo delle cosiddette verità, filosofò, non è che un contesto di favole, di brutti sogniSono i figli di Sonno, essi sono: Morfèo, Fobètore e Fantàso.... Leggi. Talché soltanto la fumea de⋯
Rappresentazione primitiva della madre
15% AnonimoSchiele Art
La rappresentazione della Sacra Famiglia, segna una profonda trasformazione del tema madre-bambino. La triangolazione padre – madre – bambino, qui presente, sembra immersa in una dimensione tragica: la madre deve allontanarsi dal padre per proteggere il p⋯
Aspri affanni
15% Edgar Allan PoePoesieSchiele Art
Fanciullo, io Figlia di Inaco, primo re di Argo, amata da Zeus e da lui trasformata in vacca. La bella Io, principessa di Argo, fu amata da Zeus che si unì a lei avvolgendola in una fitta caligine. Il fatto non sfuggì alla sospettosa Era che,... Leggi già non ero Nella mitologia greca, sacerdotessa di Artemide a Sesto; innamorata di Leandro, si suicidò quando questi annegò mentre si recava a nuoto da lei attraverso lo stretto dell'Ellesponto Èro e Leandro, (lett.) titolo di un poemetto greco in esametri di Museo (secc. IV-V d.C.). Leandro... Leggi come gli altri erano, né vedevo come gli altri vedevano. Mai derivai da una comune fonte le mie passioni, né mai, da quella stessa, i miei aspri affanni. Né il tripudio al mio cuore io ridestavo in accordo con altri. Tutto quello⋯
Affermare il vincente azzardo
14% FilosofiaGilles Deleuze
Nella vita c’è una sorta di stupidità, di debolezza fisica, di fragile costituzione, di vitale balbuzie, che costituisce il fascino di ciascuno. Fascino, come fonte della vita, così come lo stile, fonte della scrittura. La vita però, non è la vostra stori⋯