Vecchio troiano che accompagnò Enea nel suo viaggio, esortandolo a farsi coraggio dopo che le donne ebbero incendiato alcune delle navi (Verg. Aen. 5, 704-718 ss.).
Il nome è un derivato di ναῦς, “nave” attraverso un appellativo che significa “marinaio”. L’antroponimo si trova anche in greco, anche se non è menzionato alcun personaggio del mito con questo nome.

Crediti
   •  Ναύτης  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
L’accettazione della finzione
17% Anna Maria TocchettoSocietà
La Bibbia, non è un’opera di finzione in se stessa, poiché qualcuno, vi si è riversato scrivendola; dio non è mai esistito, ma questo non significa negare che sia esistito in un’opera di finzione e che come tale possa essere oggetto di discorso. Proprio p⋯
Il concreto come guida
15% Schiele ArtVictor-Marie Hugo
Il vero pilota è il marinaio che naviga sul fondo più che alla superficie.
Storia e critica
15% FilosofiaFriedrich Nietzsche
Ma è probabile che quasi tutti, ad un esame rigoroso, si sentano talmente disgregati dallo spirito critico-storico della nostra cultura, da concepire come credibile l’esistenza passata del mito forse solo per via erudita, mediante la mediazione di astrazi⋯
Permanente dramma
14% Schiele ArtSøren Kierkegaard
Paradossale è la condizione umana. Esistere significa “poter scegliere”; anzi, essere possibilità. Ma ciò non costituisce la ricchezza, bensì la miseria dell’uomo. La sua libertà di scelta non rappresenta la sua grandezza, ma il suo permanente dramma. Inf⋯
Soddisfare completamente l’animo
14% HomeJean-Jacques RousseauSocietà
ma se esiste uno stato in cui l’animo trova un equilibrio abbastanza stabile per riposarvisi completamente e raccogliere là tutto il suo essere, senza aver bisogno di ricordare il passato né di sconfinare nel futuro, in cui il tempo non conti e il present⋯