Figlio di Tiro e di Poseidone, fratello di Pelia, padre di Nestore, da Iolco venne a Pilo in Messenia e fondò quel regno (Hom. Il. passim: Hellan. Fr. 125 Fowler, che fornisce l’intera discendenza dal Diluvio di DeucalioneFiglio di Promèteo. Per volontà di Zeus, costruì un'arca nella quale chiusosi con la moglie Pirra, aspettò il diluvio col quale il sommo dio ripulì il mondo dall'umanità malvagia. Riuscì a restare a galla per nove giorni e nove notti finché la barca non... Leggi a tempo degli Eraclidi).
Il nome è stato accostato all’aggettivo νηλεής, “senza pietà, spietato” (Pape-Benseler, WGE), il che fece pensare che Neleo fosse un antico dio degli inferi, ma Chantraine (DELG, s. v. νηλεής) osserva giustamente che si tratta di un’etimologia popolare; secondo Mühlestein (“Museum Helveticum”, 22, 1965, p. 164 s.) la derivazione da νηλεής non è dimostrabile per la forma. Ipotesi antiche sono quelle di Schol. Il. 10, 334, in cui viene spiegato che ricevette questo nome perché lo allattò una cagna (ἐπεὶ κύων κατηλέησεν, “poiché una cagna ne ebbe pietà”; il rapporto etimologico non è molto chiaro); meglio l’Etymologicum Magnum, che lo spiega come un composto di νεός, “nuovo” e λεώς, “popolo”: significherebbe allora “colui che fondò un nuovo popolo”; in questo caso, però, non si spiegherebbe la presenza della -η- della prima parte del composto. Si tratterebbe invece di un doppione del nome Νείλεως, che Palmer ritiene derivato da * Νεσέ-λα#ος, attestato come ne-e-ra-wo in una tavoletta in Lineare B di Pilo, Fn 79, 5 (The Interpretation of Mycenaean Greek Texts, p. 80): significherebbe “colui che riporta indietro il suo popolo al sicuro” (cfr. anche NestoreFiglio di Neleo e di Cloride; regnò a Pilo in Messenia e prese parte alla guerra di Troia. Ha una parte di rilievo già nell'Iliade e nell'Odissea, passim, ed è citato nella "Coppa di Nestore", uno dei piú antichi testi scritti in greco (ca.... Leggi). Altre ipotesi, poco motivate, sono quelle di Bosshardt (Die Nomina auf -ευς, § 432), secondo cui deriverebbe da una radice * νηλ-, “oscuro”, da considerare pregreca; e infine quella di Carnoy (DEMGR), che si differenzia da tutti, ipotizzando una derivazione da νῆλος, “vello”.

Crediti
   •  Νηλεύς  •
 • cfr. pagina web: DEMGOL •
 • Dizionario Etimologico della Mitologia Greca •
Similari
Si deve giustizia all’animale
21% Arthur SchopenhauerSchiele Art
Cosa diceDea della Giustizia, detta anche Astrea, figlia di Zeus e Temi, fu considerata il principio fondamentale per lo sviluppo di ogni società civile. Era una delle Ore, stanca degli errori degli uomini si trasferì in cielo diventando la costellazione della Vergine.... Leggi quel passo ? «Il giusto ha pietà del proprio bestiame». – «Ha pietà»! – Che razza di espressione! Si ha pietà di un peccatore, di un malfattore, ma non di un innocente animale… «Aver pietà»! Non già pietà, ma giustizia si deve all’animale.
Diritti erosi
21% Lawrence FerlinghettiPoesieSocietà
Pietà per la nazione i cui uomini sono pecore e i cui pastori sono guide cattive Pietà per la nazione i cui leader sono bugiardi i cui saggi sono messi a tacere Pietà per la nazione che non alza la propria voce tranne che per lodare i conquistatori e accl⋯
Complicità ed omertà
20% PoliticaSandro Pertini
La corruzione è una nemica della Repubblica. I corrotti devono essere colpiti senza nessuna attenuante, senza nessuna pietà. E dare loro solidarietà, per ragioni di amicizia o di partito, significa diventare complici di questi corrotti. Bisogna essere deg⋯
Inutile pietà
19% AforismiAlbert CamusSchiele Art
Rieux capì che non aveva più da difendersi contro la pietà. Ci si stanca della pietà, quando la pietà è inutile. • Albert Camus • • La peste • • Egon Schiele • Self-Porttrait with Striped Armlets, 1915 •
Non darsi per vinto
19% Autori VariPoesie
Ho conosciuto l’amore Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri... Leggi degli uomini, ed era possessivo. Ho conosciuto la loro amicizia, ed era sfruttamento. Ho conosciuto il loro aiuto, ed era umiliazione. Ho conosciuto la pietà degli uomini, ed era degnazione. La loro protezione, ma aveva un secondo fi⋯